rotate-mobile
Mercoledì, 18 Maggio 2022
Politica

"Il Comune cambia il piano del traffico per fare soldi coi parcheggi"

Secondo Lista per Ravenna le modifiche hanno lo scopo di trasformare da sosta libera a sosta a pagamento alcuni spazi importanti del centro storico, "colpendo i pendolari"

Il Comune vuole fare cassa con i parcheggi a danno della sicurezza pubblica. E' questa in sintesi l'accusa lanciata dalla “Lista per Ravenna” e dal suo leader, Alvaro Ancisi, nei confronti dell'Amministrazione comunale. Secondo Ancisi le modifiche, che hanno lo scopo di trasformare da sosta libera a sosta a pagamento alcuni spazi importanti del centro storico, “colpiscono duramente  i pendolari che dal forese si recano al lavoro in città e quelli che, essendo diretti fuori Ravenna, per lavoro o per studio, devono raggiungere la stazione ferroviaria”.

La progettata attivazione del Piano Particolareggiato del traffico urbano riguardante le vie Monfalcone, Trento, Cesarea, Serra, Pascoli e limitrofe mira esplicitamente a trasformare da sosta libera a sosta a pagamento (esclusi i residenti) i pochi spazi esistenti sul quadrante sud-est del centro storico. Si tratta del parcheggio in angolo tra la via di Roma e viale Santi Baldini, degli stalli esistenti lungo il viale Santi Baldini, via Padre Genocchi e via San Pier Damiano, oltre a quelli nell’isola  tra via Monfalcone e circonvallazione Canale Molinetto e nella via Monfalcone.

Secondo “Lista per Ravenna” e i suoi consiglieri Ancisi e Alessandro Garofalo, “riteniamo grave e scorretto lo stravolgimento dell’ordine di priorità riconosciuto dal PGTU (piano generale del traffico urbano), per motivi soprattutto di sicurezza, a favore dei Piani a quattro stelle, di cui indico sommariamente alcune delle zone: vie Caprera, Cicognani, Milazzo, Calatafimi e sottostrade di via Maggiore e limitrofe; vie Antonelli, Batuzzi, Bovini e limitrofe; alcune strade di Marina di Ravenna; alcune strade di Punta Marina; alcune strade di S. Pietro in Campiano (plesso scolastico); alcune strade di Lido di Classe; alcune strade di Castiglione di Ravenna”.

“Diversi Piani a tre stelle sono secondo noi più urgenti, ad esempio – affermano i consiglieri -: la nuova ZTL delle vie Rampina, Portoncino, Portone e limitrofe; viale Mattei; la zona delle vie Bixio, Santa Teresa e Guidarello; la zona delle vie Gulli, Eraclea e limitrofe; quelle in alcune frazioni del litorale e del forese. Insomma, ci pare che il Piano messo ora in cantiere si sia fatto preferire, rispetto agli altri di maggiore priorità, per la massa dei parcheggi a pagamento da introdurre. Credevamo che si dovesse intervenire dove maggiore è il rischio per la sicurezza”.


“Poniamo però al sindaco e alla giunta comunale il dovere e l’obbligo di legge che sia il Consiglio comunale a discutere – dicono i consiglieri -, stabilire ed eventualmente variare i criteri e l’ordine di priorità dei Piani Particolareggiati, considerato che solo il Consiglio comunale è competente ad approvare, e quindi a modificare, il PGTU”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Il Comune cambia il piano del traffico per fare soldi coi parcheggi"

RavennaToday è in caricamento