Il sindaco di Rimini Andrea Gnassi chiude la campagna elettorale di de Pascale

Prima del silenzio stampa, il candidato del centrosinistra illustra i punti del suo programma che riguardano lo snellimento della burocrazia.

Andrea Gnassi, sindaco di Rimini

Venerdì 17 giugno, alle 18, presso il comitato di Michele de Pascale, in via San Mama 73, si chiude la campagna elettorale del candidato sindaco del centrosinistra.
Per l’occasione interverrà Andrea Gnassi, neo confermato sindaco di Rimini al primo turno.

Intanto, de Pascale illustra i punti del suo programma che riguardano lo snellimento della burocrazia.
“I prossimi 5 anni, saranno anni di grandi svolte sulla riduzione della burocrazia, è necessario un cambio di passo con una revisione delle norme che sappia tener conto del momento storico che stiamo vivendo e che muti l’atteggiamento della pubblica amministrazione verso i privati e le imprese da vessatorio in favorevole. 

Nell’edilizia e nell’urbanistica
Per quanto riguarda le politiche legate all’urbanistica, all’edilizia e al territorio, dobbiamo intervenire in maniera radicale per cambiare una mentalità.
Se dovessimo sommare tutte le nuove previsioni dei Piani Regolatori dell’Emilia-Romagna avremo 250 km quadrati di nuove urbanizzazioni, una follia rispetto alla tutela ambientale del territorio, alla quantità di ettari che sottrarremmo alla produzione agricola e anche rispetto al mercato attuale, perché pensare di mettere sul mercato altri migliaia di immobili con la condizione di invenduto e la necessità di rigenerazione che abbiamo, è totalmente insensato.
Coerentemente con la nuova legge regionale, prevedremo già entro il prossimo anno un POC (Piano Operativo Comunale) in fortissima riduzione rispetto le previsioni urbanistiche, che vada ad azzerare il consumo di territorio vergine, con le uniche eccezioni per quel che riguarda investimenti produttivi e turistici.

In questi anni abbiamo concepito l’intervento residenziale come uno strumento per poter ottenere opere pubbliche, lo abbiamo fatto in anni in cui i valori di mercato erano molto alti, quindi chiedendo poco al privato, si poteva ottenere tanto per il pubblico: oggi quel meccanismo è diventato malsano e controproducente perché, viceversa, per ottenere poco per il pubblico, il privato deve fare tantissimo, con tempi lunghi e con grandi difficoltà.
Le nostre priorità devono essere la rigenerazione e la riqualificazione, in questo senso interverremo in maniera molto chiara con nuove e semplici norme, che favoriscano chi interviene in rigenerazione e in riqualificazione, e con una pubblica amministrazione totalmente propensa a trovare soluzioni e non a porre ostacoli.

Nei prossimi 5 anni inoltre elaboreremo un nuovo RUE (Regolamento Urbanistico Edilizio) che abbia l’obiettivo di snellire ulteriormente le procedure in modo da ridurre drasticamente i tempi di risposta all’utenza.

Nell’agricoltura
Dobbiamo sostenere i nostri imprenditori agricoli, valorizzando le produzioni innovative, supportando gli investimenti, stando al loro fianco nei confronti della Regione e dell’Europa, ma anche semplificando le regole e snellendo la burocrazia.

Nel turismo
Nel turismo servono regole certe e chiare che permettano agli operatori di pianificare e organizzare, a lungo termine, eventi, iniziative e grandi manifestazioni.
In questo senso la prossima ordinanza balneare sarà semplificata e deve essere la stessa per i prossimi 5 anni.

Verso i cittadini
Il comune dovrà farsi carico delle relazioni con tutti gli enti sovraordinati, garantendo al cittadino un unico interlocutore, evitandogli i tanti passaggi da un ente all’altro e accorciando considerevolmente le tempistiche.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Riorganizzazione della macchina comunale
Attraverso il meccanismo della turnazione porteremo un cambiamento radicale nella macchina comunale, sia nella parte politica che nella parte tecnica, in modo da valorizzare le competenze di tutti, ma consentendo, nei settori in cui vogliamo dare un cambio di passo, di poter portare innovazione anche inserendo nuove persone, con visioni e energie nuove”. 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, un altro studente positivo a scuola: classe in quarantena

  • Si parte in anticipo coi vaccini antinfluenzali: gratis sopra i 60 anni

  • Apre un nuovo supermercato: "Risanata un'area dismessa e investiti 5 milioni di euro"

  • Il coronavirus fa un'altra vittima. "Mascherina sulla bocca e testa sulle spalle"

  • Elezioni a Faenza: lo spoglio delle schede e i risultati - LA DIRETTA

  • Coronavirus, due positivi a scuola: quarantena per alunni e docenti

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RavennaToday è in caricamento