Immigrazione, Tchameni: "Io sto con Matteucci"

Anche se ho dei forti dubbi sulla piena condivisione da parte di tutto il mondo politico e soprattutto sulla sua reale applicazione, condivido in pieno le cinque proposte del sindaco Fabrizio Matteucci sull'immigrazione..

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di RavennaToday

Anche se ho dei forti dubbi sulla piena condivisione da parte di tutto il mondo politico e soprattutto sulla sua reale applicazione, condivido in pieno le cinque proposte del sindaco Fabrizio Matteucci sull'immigrazione..

Come già espresso in passato,ben vengano le proposte o i dibattiti sull'immigrazione se hanno come finalità quella di salvaguardare la Dignità delle persone garantendo a tutti i cittadini (ltaliani e stranieri) parità dei Diritti e dei Doveri.

Ma prima o dopo di questo mare magnum, con la stessa determinazione e lo stesso coraggio, ritengo sia opportuno per gli stessi amministratori e/o politici aprire un dibattito in questo paese sulla ridistribuzione delle risorse alla popolazione.

Al livello nazionale,gli immigrati contribuiscono il 7% del pil, ma sono messi fuori dal bando nazionale per gli assegni famigliari alle famiglie con quattro figli minori. Dopo anni di duro lavoro versando i contributi,non possono accedere a la pensione se non hanno i requisiti.

Solo in Emilia-Romagna; riconosciuta in Italia come una delle regioni in avanguardia sulle politiche di integrazione, gli stranieri producono 11% delle risorse ma nella ridistribuzione ricevono solo 1%

Dove vanno a finire le rimesse che provengono dalle varie spedizioni di denaro che gli immigrati dall'Italia mandano nei paesi di origine?

Io credo che sollevando il dibattito anche su questo versante sarebbe molto interessante e utile per una convivenza leale tra i vari popoli.

Charles Tchameni Tchienga
Presidente fondatore ass.Il Terzo Mondo

Torna su
RavennaToday è in caricamento