menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

In Consiglio arriva una mozione per dichiarare l'emergenza climatica

Una mozione volta a far sì che il Comune di Ravenna deliberi la “Dichiarazione di Emergenza Climatica” sul proprio territorio, comportandosi di conseguenza

Accogliendo la proposta di “Fridays For Future” Alvaro Ancisi, nella veste di consigliere comunale di Ravenna e presidente della commissione “Ambiente, Sanità pubblica, Qualità della vita e Diritti degli animali”, ha depositato venerdì presso la presidenza del consiglio comunale stesso una sua mozione volta a far sì che il Comune di Ravenna deliberi la “Dichiarazione di Emergenza Climatica” sul proprio territorio, comportandosi di conseguenza.

"La richiesta di questa mozione è stata inoltrata da Fridays For Future – Ravenna, il 4 luglio scorso, ai soggetti e ai gruppi consiliari che amministrano il Comune di Ravenna, motivata espressamente “oltre che da un riconoscimento della stessa ormai a livello globale, anche da una serie di vicissitudini che hanno interessato lo stesso territorio del ravennate con importanti ed evidenti danni economici alla collettività” - spiega Ancisi - Col proprio documento Fridays For Future - Ravenna ha inteso “comunicare all’Amministrazione comunale le proposte raccolte fra la cittadinanza e i membri del gruppo in occasione del Primo Sciopero Globale per il Futuro…suggerendo così quelle che dovrebbero essere le priorità di intervento nelle politiche locali per far fronte alla problematica dei Cambiamenti Climatici”. Il dispositivo, rivolto al sindaco, lo impegna, secondo le richieste di Fridays For Future – Ravenna, a operare verso alcuni obiettivi, concreti e assoggettabili a verifica: sottoporre al Consiglio stesso una deliberazione che dichiari lo stato di Emergenza Climatica e ambientale del territorio comunale di Ravenna; esercitare, all’interno delle competenze del Comune di Ravenna, ogni possibile contributo al raggiungimento degli obiettivi emissioni zero nel 2040 e taglio delle emissioni dell’80% entro il 2030, facendo ogni sforzo per contenere l’aumento della temperatura globale entro 1,5°C e tendere all’azzeramento delle emissioni nette di gas climalteranti; predisporre iniziative entro fine 2019 che vadano nella direzione delle considerazioni riportate nel “Manifesto di Fridays for Future – Ravenna per una città resiliente ai Cambiamenti Climatici”; allestire una “Consulta Ambientale” entro fine 2019, onde perseguire il maggiore coinvolgimento attivo di associazioni, cittadini, istituzioni ed attività produttive nel processo di individuazione delle criticità ambientali e nella loro risoluzione, e quindi recepire nel territorio comunale la Direttiva europea n. 340 del 2018 che dispone lo stop alla plastica monouso prima della data del 2021, attuando in via prioritaria tale direttiva sui lidi fin dalla stagione estiva 2020 e per tutto il territorio del Comune nel breve periodo successivo".

L’intenzione del presidente Ancisi è che la mozione venga approfondita, come di norma e prassi, nella commissione Ambiente stessa, per approdare, nella versione definitiva, al voto del Consiglio comunale, sulla base della più ampia condivisione da parte di tutte le sue componenti politiche.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Occhi al cielo per ammirare la Superluna "rosa" di aprile

Cronaca

A Lido di Dante spuntano i nuovi "murales" dedicati al Sommo Poeta

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RavennaToday è in caricamento