Inceneritore verso la chiusura, Verlicchi: "Scongiurare il licenziamento dei lavoratori"

E' la richiesta del capogruppo de La Pigna, Veronica Verlicchi

"Il sindaco Michele de Pascale si attivi immediatamente per scongiurare il licenziamento dei lavoratori dell’inceneritore di via Romea Nord che sarà chiuso il 31 dicembre". E' la richiesta del capogruppo de La Pigna, Veronica Verlicchi, specificando che "siamo sempre stati favorevoli alla chiusura dell’inceneritore, ma non possiamo non ricordare al sindaco che tale chiusura, come da lui stesso promesso in campagna elettorale, doveva avvenire entro il 2018 e che nessun lavoratore deve essere licenziato".

Sulla tematica sarà discusso un question time durante la seduta del Consiglio Comunale del prossimo primo ottobre. "In seguito alla decisione di chiusura dell’inceneritore della Società  proprietaria Herambiente spa, ha comunicato la propria decisione di voler avviare la procedura di mobilità, per i 29 lavoratori che operano all’interno della struttura, ai quali si aggiungeranno altri 30  lavoratori dell’indotto - continua Verlicchi -. De Pascale ha pieno titolo per intervenire immediatamente sulla questione, dal momento che il Comune di Ravenna detiene, attraverso Ravenna Holding, il 5,15 % di Hera spa, società quotata alla borsa di Milano e controllante di Herambiente spa, ed é soggetto partecipante del contratto di sindacato di voto per il controllo pubblico di detta società, tanto da esprimere un proprio rappresentante nel Consiglio di Amministrazione. Parliamo dell’ex capogruppo Pd in Consiglio Comunale Danilo Manfredi nonché del presidente della Società Herambiente spa, Filippo Brandolini, ex assessore all’ambiente del Comune di Ravenna ed ex consigliere di amministrazione di Hera spa".

"Chiediamo, pertanto, al sindaco di  intervenire presso i vertici di Hera spa, affinché i lavoratori operanti nell’inceneritore di via Romea Nord vengano ricollocati scongiurando, conseguentemente, la procedura di mobilità annunciata dalla società Herambiente spa. Chiediamo, altresì, di indicare quali investimenti e quali progetti, il gruppo Hera spa intenda attuare sul territorio ravennate nel breve periodo, ed in particolare nella discarica, nell’impianto F3 e negli altri impianti, al fine di garantire l’occupazione dei lavoratori dell’inceneritore ricollocandoli, eventualmente, in tali attività", conclude.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Primo caso di coronavirus nella provincia di Ravenna: positivo un ragazzo di 21 anni

  • Coronavirus, gli ultimi aggiornamenti: nessun caso in Romagna, 17 in Emilia

  • Tutta la comunità di Classe in lutto: dopo una lunga malattia è morto Andrea Panzavolta

  • Coronavirus, ufficiale: asili nido, scuole, università e manifestazioni sospesi fino al 1° marzo in Emilia-Romagna

  • Scossa di terremoto nel pomeriggio di domenica, il sisma avvertito distintamente nel ravennate

  • Coronavirus, gli ultimi aggiornamenti: nel riminese il primo caso in Romagna

Torna su
RavennaToday è in caricamento