rotate-mobile
Martedì, 21 Maggio 2024
Politica

Faenza, le considerazioni del comitato "Giu' le mani dalla pediatria"

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di RavennaToday

Si è svolto il 6 agosto scorso nella sede del Comune di Faenza un incontro, organizzato dal sindaco di Faenza, fra la Direzione Generale di Ausl Romagna e i rappresentanti del Comitato "Giù le mani dalla Pediatria", per fare il punto sul nuovo progetto di riorganizzazione dell'attività della Pediatria, proposto dall'Ausl, che sarà operativo nel più breve tempo possibile e comunque non oltre il 1° ottobre. Le nuove modalità operative illustrate dal direttore sanitario di Ausl Romagna, Giorgio Guerra, prevedono la possibilità per i bambini che dopo l'accesso al pronto soccorso necessitano di terapie o di sorveglianza sanitaria, di essere presi in carico secondo un modello di osservazione breve fino ad un massimo di 36 ore e che prevede la presenza continuativa di personale infermieristico in possesso di competenze specifiche in ambito pediatrico e l'assistenza medica da parte del pediatra. Quest'ultimo è presente in struttura dalle 8 alle 20 e interviene in regime di pronta disponibilità, in orario notturno. Eventuali situazioni di emergenza/urgenza che potrebbero verificarsi in orario notturno, saranno garantite attraverso la presenza h24 di un medico rianimatore secondo le modalità previste nelle esistenti procedure dell'emergenza intraospedaliera. Per eventuali ricoveri ordinari per patologie chirurgiche programmate dei piccoli pazienti verranno individuate specifiche aree protette all'interno delle aree chirurgiche ospedaliere. A tal proposito è previsto un piano specifico di formazione del personale mirato a questa specifica assistenza. La Direzione di Ausl Romagna ha inoltre assicurato che in questa fase transitoria, presterà particolare attenzione al fine di programmare i trasferimenti dei pazienti pediatrici, presso altre strutture ospedaliere, solo nei casi di alta complessità. All'incontro, erano presenti il sindaco di Faenza, Giovanni Malpezzi, i consiglieri regionali Mirco Bagnari e Manuela Rontini (Pd), Andrea Liverani (Lega), Raffaella Sensoli (M5s) , il direttore generale dell'Ausl Romagna, Marcello Tonini, il direttore del distretto, Marisa Bianchin e il direttore dell'ospedale di Faenza, Davide Tellarini.

In relazione alla nota diffusa dal comune, il Comitato "Giu' le mani dalla Pediatria" intende sottolineare alcuni aspetti che portano a condividere solo in parte quanto dichiarato: "condividiamo la riapertura del reparto h24 per i casi che necessitano di Osservazione Breve fino a 36 ore (ripristino come prima del 24 giugno scorso) con personale specializzato e pediatra reperibile dalle 20:00 alle 8:00. Non condividiamo la scelta dell'Ausl di individuare un'area protetta nel reparto di chirurgia e con personale non specializzato, per tutti i bimbi operati in chirurgia ordinaria. Siamo scettici che possa garantire il rispetto del bambino e della sua famiglia. Restiamo preoccupati per la criticità della fase di transizione dal 24 giugno al 1 ottobre in cui il servizio resterà sospeso dalle 20:00-8:00. Ad oggi si sono verificati molti episodi che hanno creato disagio e preoccupazione nelle famiglie. A tal proposito abbiamo richiesto particolare attenzione alla Direzione dell'Ospedale di Faenza nella persona del dottor Tellarini Davide. Esortiamo tutte le famiglie a recarsi presso la Direzione ospedaliera e segnalare qualsiasi problematica riguardante l'accesso all'U.O cosi' da poter arginare sul nascere le criticità. Il Comitato resta poi in attesa di conoscere dall' Ausl le modalità e i tempi di costituzione della Commissione Esterna di Monitoraggio della quale faremo parte a garanzia di un rapporto di collaborazione tra utenti e U.O, utile a risolvere tutti i problemi pratici che potrebbero sorgere. I bambini e le famiglie sono al primo posto".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Faenza, le considerazioni del comitato "Giu' le mani dalla pediatria"

RavennaToday è in caricamento