Martedì, 15 Giugno 2021
Politica

Incrocio pericoloso a Milano Marittima, la Lega: "Renderlo più sicuro"

I consiglieri della Lega di Cervia hanno presentato un'interrogazione in merito al crocevia situato fra la III traversa e il viale II giugno a Milano Marittima

I consiglieri della Lega di Cervia hanno presentato un'interrogazione in merito al crocevia situato fra la III traversa e il viale II giugno a Milano Marittima. "La nascita della nuova viabilità a Milano Marittima che ha portato il senso unico in viale Giacomo Matteotti, direzione Nord-Sud, ovvero da Ravenna a Cervia e il ricongiungimento dello stesso Matteotti al viale 2 Giugno tramite la terza traversa (che ha mantenuto i due sensi di marcia), sta creando in queste prime settimane diverse criticità - spiegano i consiglieri - Abbiamo notato che, in pratica, i conducenti dei veicoli a motore fanno estremamente fatica a individuare l’incrocio stesso. E’ nota la recente tragedia relativa all’incidente mortale di circa un mese fa e in particolare molti residenti e turisti ci hanno fatto presente che in quell’area la velocità è sempre sostenuta. A nostro parere vi sarebbe la necessità di collocare almeno alcuni lampeggianti in prossimità di tale crocevia e/o adeguati dissuasori di velocità nel/nei tratto/i stradale/i interessato/i".

"Anni orsono, sulla terza traversa si era stabilito un solo senso di marcia da est verso ovest ovvero dal mare verso la chiesa denominata “Stella Maris” appunto per la pericolosa situazione che il doppio senso poteva creare ed il sinistro fatale avvenuto poche settimane fa ne dà la conferma - concludono i leghisti - Chiediamo: c’è l’interesse da parte dell’Assessore competente per materia o del sindaco Massimo Medri di rendere maggiormente sicuro il crocevia di cui all’oggetto, anche con la collocazione temporanea di determinate cartellonistiche ad hoc e/o specifici dissuasori di velocità? Quale giudizio esprime la Giunta in merito?".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Incrocio pericoloso a Milano Marittima, la Lega: "Renderlo più sicuro"

RavennaToday è in caricamento