Italia Viva: per l'asse Ravenna-Forlì “Scegliere opzione più veloce, poi al lavoro per sollecitare Governo e Anas”

Fagnani e Marchi intervengono sottolineando l'inadeguatezza della strada attuale e che la soluzione sia "una priorità non più differibile oggi"

Sulla nuova “Ravegnana” la strada che collega Ravenna con Forlì, che da diverso tempo non soddisfa le esigenze del nuovo traffico e di un collegamento cruciale fra i due capoluoghi di provincia intervengono Roberto Fagnani Coordinatore della Provincia di Ravenna di Italia Viva e Massimo Marchi consigliere Comunale del Comune di Forli per Italia Viva che affermano: “affrontare il problema dell'inadeguatezza della attuale strada che collega Ravenna con Forlì è una priorità non più differibile oggi. Si decida subito quale delle tre proposte ANAS sostenere e per noi la più idonea è quella del rifacimento e adeguamento dell’attuale tracciato con l’aggiunta dell’innesto con la statale 16 e con l’aeroporto di Forlì”.

“Non solo perchè è la meno onerosa dal punto di vista economico – affermano i due esponenti di Italia Viva – ma anche perchè è la più veloce e la meno impattante sotto il profilo ambientale”. Ci faremo parte attiva, anche attraverso il nostro parlamentare Marco Di Maio, per “sollecitare Anas e Governo affinchè velocizzino tutte le procedure necessarie alla realizzazione del collegamento fra le due città romagnole, anche in relazione alla ripartenza dell’areoporto di Forlì”.

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Ravenna usa la nostra Partner App gratuita !

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cristiano dedica il suo 'brodetto che innamora' al marito e conquista i giudici di Masterchef

  • Tragico infortunio sul lavoro: muore operaio di 26 anni

  • Colpaccio sfiorato al Superenalotto: per un solo numero non vince 94 milioni di euro

  • Muore a 26 anni, l'appello: "Aiutateci a trovare una casa per le sue gatte"

  • Nuovo decreto: visite agli amici solo in due, niente asporto dopo le 18 per i bar e 'area bianca'

  • Carcasse di animali e 600mila euro in contanti nello studio: sequestro da 1 milione al veterinario

Torna su
RavennaToday è in caricamento