Martedì, 18 Maggio 2021
Politica

Berti (Lega): "Contributi per l'affitto, c'è razzismo al contrario".

"Controllando i dati che emergono dall'Osservatorio Immigrazione, sono rimasto allibito nel constatare la distribuzione dei contributi per l'affitto nelle Provincia di Ravenna".

"Controllando i dati che emergono dall'Osservatorio Immigrazione, sono rimasto allibito nel constatare la distribuzione dei contributi per l'affitto nelle Provincia di Ravenna". E' quanto afferma il Consigliere provinciale della Lega Nord, Jacopo Berti, che spiega come "il numero totale di contributi per l'affitto assegnati è di 3679, per un importo globale di 1.845.050 euro, cifra sostanziosa se si pensa al periodo che stiamo vivendo. La cosa che però ha attirato la mia attenzione è il numero di contributi assegnati agli stranieri."

Prosegue il giovane esponente del Carroccio romagnolo: "Del 1.845.050 euro totali assegnati, ben 913.874 euro sono andati a cittadini stranieri. Se pensiamo che in Provincia la popolazione straniera è il 11,70% del totale, ciò significa che un decimo della popolazione riceve la metà dei contributi totali".

"Se questo non è razzismo al contrario, allora non so come definirlo - tuona Berti -. Se poi guardiamo nello specifico il numero di contributi concessi nei 3 distretti della Provincia, cioè Ravenna, Faenza e Lugo, l'indignazione per questa situazione di razzismo inverso, cresce. Nel distretto di Faenza i cittadini stranieri ottengono il 51% del totale messo a disposizione (219.426,48 su 427.387,15 disponibili); nel lughese si arriva alla percentuale record del 55% (201.440 sui 367.401 disponibili); mentre a Ravenna "solo" il 46% va a stranieri (493.008 sui 1.050.262 disponibili)".

Tira quindi le somme il Consigliere provinciale della Lega Nord: "In questi casi bisogna fare un resoconto razionale dei dati in nostro possesso. Non voglio dire che gli stranieri non debbano ricevere contributi per l'affitto, ma dico semplicemente che deve esserci una divisione sensata della cifra disponibile. Visto che gli stranieri sono l'11,70% della popolazione totale della provincia, essi dovrebbero quindi ricevere massimo il 12% dei contributi totali, non il 45,50 o il 55%".


Conclude quindi il ventenne Berti di Castel Bolognese: "In un periodo di crisi come questo, i fondi a disposizione vanno utilizzati al meglio. La situazione attuale dei contributi per l'affitto, è una situazione dove per gli assegnatari vengono prima i cittadini stranieri rispetto agli italiani. Perciò chiedo a chi di dovere di adoperarsi per far si che la ripartizione torni negli anni ad essere equa rispetto alla ripartizione demografica del territorio provinciale, e che prima degli stranieri, sarebbe meglio iniziare a pensare in primis ai cittadini originari della zona, perciò prima i ravennati, i faentini e i lughesi."

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Berti (Lega): "Contributi per l'affitto, c'è razzismo al contrario".

RavennaToday è in caricamento