menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

La Lega contro il sindaco: "La capitale dei foreign fighters non applica il Decreto Sicurezza?"

“Mi auguro che i capricci di De Pascale siano il frutto di una brutta nottata e che, da Sindaco di quella che è stata definita la capitale dei foreign fighters, si limiti ad applicare la norma così com'è"

“Mi auguro che i capricci di De Pascale siano il frutto di una brutta nottata e che, da Sindaco di quella che è stata definita la capitale dei foreign fighters, si limiti ad applicare la norma così com'è. Vorrei ricordargli l’obbligo, in qualità di Amministratore, di uniformarsi alle leggi e di applicarle non certo per fare un piacere alla Lega, ma per rendere Ravenna una città più sicura e vivibile”. Così il segretario provinciale di Ravenna Samantha Gardin replica alle velate minacce del Sindaco e presidente regionale dell’Anci Michele De Pascale sulla "disobbedienza" sul Decreto Salvini: “La norma, più che sacrosanta e voluta con saggia determinazione dal Ministro dell’Interno Salvini, pone al centro dell’azione di Governo il ripristino del controllo del territorio e mette un primo importante freno all’immigrazione clandestina".

"Perché, è bene ricordarlo, circa il 90 per cento degli immigrati tirati in ballo da De Pascale non è profugo e quindi non può accedere alla protezione internazionale. Sono, a tutti gli effetti, irregolari. Per queste persone, per chi è entrato illegalmente in Italia mosso dalle ragioni più disparate, per delinquere o per proselitismo islamico, scatterà il rimpatrio. La nuova legge, primo tassello di una più ampia riforma sul fronte sicurezza e immigrazione, spazza via l’epoca dell’accoglienza intesa come mangiatoia per cooperative, onlus e associazioni varie che hanno lautamente lucrato sulla pelle dei migranti. Chi, invece, ha ottenuto il permesso umanitario o è davvero profugo, continuerà a essere tutelato, alla pari di chi sta effettivamente aspettando la risposta alla domanda. Continua a essere protetto anche chi versa in condizioni di particolare esigenza umanitaria e sono aumentate le tutele per i minori non accompagnati".

"Dire, che a causa di questa norma si riverseranno nelle strade dei nostri Comuni migliaia di extracomunitari è una falsità. La verità è una e fa male – conclude la leghista – questo Governo, con il Ministro Salvini, è riuscito dove i suoi predecessori hanno fallito. Per interesse o per incompetenza non è dato saperlo ma una cosa è certa; con questa legge i Sindaci, De Pascale in primis, hanno a disposizione gli strumenti e le risorse per combattere l’emergenza immigrazione. Lo facciano senza discutere. Per il bene dei cittadini e non per fare un piacere alla Lega”. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RavennaToday è in caricamento