La nuova Giunta di Castel Bolognese: e il Movimento cinque stelle attacca la Lega

Con il consiglio comunale di sabato mattina è iniziato ufficialmente il mandato della nuova Giunta di Castel Bolognese

Con il consiglio comunale di sabato mattina è iniziato ufficialmente il mandato della nuova Giunta di Castel Bolognese. "Lavoreremo con passione, impegno, determinazione e umiltà con l'obiettivo di migliorare la vita dei nostri concittadini - ha commentato il sindaco Luca Della Godenza - Giurare sulla Costituzione è stata un'emozione che porterò sempre con me!".

La Giunta

Luca Della Godenza: sindaco con deleghe ad agricoltura, bilancio e tributi, pianificazione e urbanistica, patrimonio e partecipate, personale e innovazione;

Ester Ricci Maccarini: vicesindaco con deleghe a politiche sanitarie e sociali, politiche per la famiglia, politiche abitative, integrazione sociale, pace e legalità, servizi demografici;

Linda Caroli: assessore con deleghe a servizi educativi e per l’infanzia, istruzione, formazione, pari opportunità, semplificazione, gemellaggi e politiche europee;

Gaspare Minzoni Dumas: assessore con deleghe a lavori pubblici, alla manutenzione, viabilità, polizia municipale e tutela ambientale;

Luca Selvatici: assessore con deleghe alle attività culturali, turismo, associazionismo e informazione.

Inoltre è stata conferita la delega dello sport al Consigliere Daniele Meluzzi.

L'accusa del Movimento 5 stelle

Sabato, durante la prima seduta del nuovo Consiglio Comunale, si è anche dato seguito alla nomina dei nuovi consiglieri come rappresentanti locali nel Consiglio dell'Unione della Romagna faentina. "Prendiamo atto dell'arroganza e della prepotenza della Lega che, forte dei suoi tre rappresentanti di opposizione contro uno del Movimento 5 stelle, Loretta Frassineti, ha deciso di tagliare fuori il nostro gruppo votando due nomi leghisti, facendo in modo che la voce di 900 cittadini castellani non potrà arrivare dentro l’organo decisionale più importante del nostro territorio - commentano i pentastellati castellani - Un vile, squallido e vergognoso attacco frontale che avrà conseguenze politiche importanti. Questa scelta segue quella avvenuta nel Consiglio Comunale di Faenza dove hanno deciso di lasciare fuori il rappresentante della lista L'Altra Faenza, venendo meno agli accordi precedentemente presi, seppur solo verbali. Questi due gravi episodi, a discapito della democrazia e a vantaggio di una forza politica, hanno subito ampiamente dimostrato quanto sia lacunoso il nuovo statuto dell'Unione in tema di tutela della rappresentanza, come noi avevamo più volte preannuciato. Nulla è cambiato, se non in peggio e la maggioranza e tutti quelli che l'hanno appoggiata, che hanno voluto e difeso queste modifiche, dovranno prendersene la responsabilità. Perchè questo risultato è palesemente figlio anche dell'incapacità di creare regole che salvaguardassero la necessità che tutte le forze politiche venissero rappresentate nel Consiglio dell'Unione. Ci auguriamo si vorrà tornare a ragionare sugli errori fatti. E chiaro il messaggio leghista: forti dell'ultimo risultato elettorale si sentono padroni di tutto e liberi di decidere senza rispettare le rappresentanze democratiche espresse dai cittadini nei territori. Vogliono mettere le mani su un organo, l'Unione, che non hanno mai realmente contrastato nel merito (ora vedremo Pederzoli cosa combinerà), ma piuttosto sempre snobbato e considerato inutile, non partecipando alle sedute consiliari e venendo esclusi per quello (Monti nel 2015), tra l'altro in maniera recidiva (Padovani e Liverani lo furono in Consiglio comunale nel 2014) e disertando completamente i lavori delle commissioni di approfondimento (vedi, tra le altre, quelle sul cambio dello Statuto e sul regolamento della partecipazione). Il messaggio è sconfortante: si premia l'assenteismo all'impegno, il pressapochismo alla competenza, i calcoli elettorali alla rappresentanza democratica. Se solo i cittadini seguissero i lavori dei consigli comunali, le cose andrebbero diversamente... Noi, indipendentemente dalle dinamiche politiche nazionali, non abbiamo e non avremo mai nulla da condividere con questa Lega locale che rappresenta tutti i valori e gli atteggiamenti contro i quali ci battiamo da anni. Continueremo a lavorare nel miglior modo possibile e con il massimo impegno nel solo interesse dei cittadini, a batterci sempre per la democrazia e la pluralità di espressione e pensiero e a fare un opposizione dura, seria e propositiva (non solo a chi governa ma anche a chi tiene questi comportamenti inaccettabili)".

Potrebbe interessarti

  • Cosa attrae le zanzare? E' tutta colpa della chimica

  • Sopravvivere al caldo senza aria condizionata? Ecco come fare

  • Benefici ed effetti collaterali dello zenzero

  • Street food al ristorante? Ecco i locali da provare a Ravenna

I più letti della settimana

  • Sciagura in serata: moto si schianta contro un'ambulanza, muore un 28enne

  • Forte temporale a Cervia: strade e sottopassi allagati e alberi crollati

  • Si tuffa e viene colto da un malore: muore nella piscina dell'hotel

  • Muore a 28 anni, fidanzata in prognosi riservata: c'è un testimone del drammatico incidente

  • Vento, grandine e temporali all'orizzonte: nuova allerta meteo

  • Maxi sequestro da 300 milioni a imprenditore: nel ravennate aveva case, negozi e magazzini

Torna su
RavennaToday è in caricamento