La proposta di +Europa: "Prorogare le celebrazioni dantesche al 2022"

"Chiediamo sin d’ora che venga prorogata la chiusura delle celebrazioni: almeno al maggio 2022"

"Riteniamo giusta la scelta dell’amministrazione di non fermare le celebrazioni del settimo centenario dantesco nonostante le difficoltà; questa occasione rappresenta un momento importante - di ricerca culturale, di radici e di senso – per i cittadini di questo territorio; ma deve rappresentare anche una delle direzioni di sviluppo futuro della città". A parlare sono Nevio Salimbeni e Maria de Lorenzo, portavoce di +Europa di Ravenna. "Purtroppo la situazione attuale, legata alla diffusione del virus in questa seconda ondata del 2020 rischia, tra le tante cose negative, anche di limitare fortemente le potenzialità di sviluppo di Ravenna nell’ambito turistico, dell’industria culturale e creativa, delle professioni culturali, della sua immagine all’estero, se non verranno messe in campo iniziative straordinarie - continuano - Non sfruttare appieno, pensando sempre al futuro, la grande occasione del settimo centenario dantesco sarebbe un grave errore; ed ecco perché occorre agire ora senza aspettare “tempi migliori”, ben sapendo che la promo-commercializzazione turistica va fatta un anno per l’altro; infatti sappiamo bene che i grandi tour operator, le agenzie di viaggio, gli stessi operatori della filiera ricettiva e turistica non possono certo, in questa situazione mettere in campo nessuna forma di promozione all’estero: che oggi risulterebbe sbagliata e inutile".

"Ragionando sulla possibilità che la pandemia si sconfigga solo nei prossimi mesi, è evidente che una campagna in Europa e nel mondo, dedicata al Sommo Poeta e al nostro territorio, non possa partire ora e che quindi sia difficile ottenere risultati dall’estero entro il settembre del 2021, data ufficiale di chiusura delle celebrazioni dantesche. Naturalmente speriamo tutti che il prossimo anno riprenda il turismo domestico, italiano o dei paesi vicini, nella nostra città: ma questo non basta, e quale altra occasione di dimensione mondiale avremo a breve per farci conoscere oltre confine? Per questa ragione chiediamo sin d’ora che venga prorogata la chiusura delle celebrazioni: almeno al maggio 2022. Se questo non fosse possibile con le stesse dinamiche ufficiali del centenario (comitato promotore nazionale, ecc.) si potrebbe comunque procedere con un rilancio “off” dell’iniziativa orientandola fortemente alla promozione della città, della sua immagine, della sua anima in Europa e nel mondo. A questo fine andrebbero orientate risorse aggiuntive – da parte della Regione Emilia Romagna, di Apt, di Visit Romagna e del comune – in grado di rilanciare con forza l’incoming turistico ravennate. La stessa operazione è stata fatta per Parma capitale italiana della cultura (spostata di un anno), per le grandi fiere e per molte altre attività di grande impatto mediatico ed economico. La rinascita da questo disastro chiamato Covid, e dai danni economici e sociali che ha causato, passa anche da scelte coraggiose legate allo sviluppo di questo territorio in ambito turistico, culturale, d’impresa creativa e di tutta la filiera, creando lavoro ed opportunità per tutti e per i giovani in particoalre. Adesso è il momento di riprogrammare il futuro".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mentre passeggia nota un'auto nel fiume: a bordo non c'era nessuno

  • Morte di Maradona, la Pausini: "In Italia fa notizia l'addio a un uomo poco apprezzabile"

  • Trova un pezzo di dito nell'involtino primavera: partono le indagini

  • Schianto frontale: Panda proiettata nel fosso dopo l'urto, 65enne soccorso con l'elicottero del 118

  • Vivere in montagna, l'opportunità diventa realtà per 341 giovani coppie e famiglie

  • Troppe persone nel negozio di alimentari: chiuso per 5 giorni

Torna su
RavennaToday è in caricamento