menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

'La Sinistra' alle elezioni europee: "Giustizia sociale e ambientale"

Si presenta così alle urne la lista che si propone di unire alle elezioni europee "tutte le persone che non si riconoscono nelle politiche di austerity ma che al tempo stesso rifiutano la xenofobia"

"Il 26 maggio votiamo per il futuro dell’Italia e dell’Europa". Si presenta così alle urne 'La Sinistra', lista che si propone di unire alle elezioni europee "tutte le persone che non si riconoscono nelle politiche di austerity volute da socialisti e popolari, ma che al tempo stesso rifiutano la xenofobia e i muri delle destre nazionaliste. La Sinistra partecipa unita e determinata a non lasciare spazio al liberismo di Calenda, nè alla deriva del Governo Salvini-Di Maio". Nel collegio Nord Est è capolista Silvia Prodi, consigliera regionale in Emilia Romagna. Il secondo in lista è Adelmo Cervi.

"Vogliamo che non sia più possibile chiudere una fabbrica in Italia per riaprirla nell’Est Europa, o non pagare le tasse dovute scappando in Lussemburgo - spiega Chiara Mancini, candidata dell’area romagnola -  Vogliamo riconquistare i diritti dei lavoratori, un salario minimo e un reddito di base europeo. Vogliamo un Green New Deal, perché il surriscaldamento globale si combatte con i fatti. Vogliamo la libertà di vivere e di amare come meglio si crede e non come qualcuno decide per noi. Le nostre proposte si fondano sulla giustizia sociale e ambientale: proponiamo una radicale riforma dell’Europa e dell’Italia, che rifiuti il dumping sociale e fiscale, restituisca potere ai cittadini, ricostruisca i diritti a lavoratrici e lavoratori e punti a una riconversione ecologica dell’economia. Il nostro riferimento al Parlamento Europeo è il GUE/NGL, il gruppo che unisce tutti partiti della sinistra e dell’ecologismo radicale: da Podemos alla Linke, da Syriza al Bloco de Esquerda. Nel corso della nostra prima Assemblea al teatro Quirino di Roma abbiamo già ricevuto il sostegno di tante personalità della cultura e dell’impegno civile e politico, fra cui il sindaco di Riace Mimmo Lucano e la scrittrice Michela Murgia. Presenteremo le nostre proposte in un’assemblea pubblica venerdì 3 maggio a Ravenna, alle 20.30, alla sala Buzzi di via Berlinguer, insieme alle nostre candidate e candidati e a tutti voi che non vi riconoscete nelle politiche di austerity volute da socialisti e popolari e che al tempo stesso rifiutate la xenofobia e i muri delle destre nazionaliste".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Arredare

Una casa di tendenza con i colori pantone del 2021

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RavennaToday è in caricamento