rotate-mobile
Giovedì, 11 Agosto 2022
Politica

"Le aziende 'cammellate' di de Pascale? Vedremo se ci sono violazioni della legge elettorale"

Pini: "Quello che rattrista è sentirsi dire da amici inseriti senza saperlo nella lista che non intendono smentire ufficialmente perché 'hanno paura di ritorsioni'".

Un commento su Facebook, durissimo, è la reazione del parlamentare leghista Gianluca Pini alla notizia delle cento aziende che il candidato sindaco del centrosinistra Michele de Pascale ha indicato come proprie sostenitrici.

"Noi non perdiamo la calma, abbiamo una pazienza infinita e siamo abituati ai soprusi e all'arroganza del PD che pensa di essere il padrone della cosa pubblica, delle imprese private e della vita dei cittadini. Ma De Pascale con questa storia delle meno di 100 aziende cammellate (delle quali diverse a loro insaputa) ha passato il segno della decenza.
E non solo di quella. Non spetta a noi verificare se ci sono violazioni più o meno gravi delle leggi elettorali. Ma lasciateci il dubbio, forte, che l'operazione sia tutto tranne che trasparente e che certi endorsement siano un tantino 'forzati' dal sistema.
Quello che veramente rattrista però è sentirsi dire da amici inseriti senza saperlo nella lista dei quasi 100 che non intendono smentire ufficialmente perché 'hanno paura di ritorsioni'. Pensavo di essere a Ravenna, non a Scampia o Corleone. Tirèmm drèt."
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Le aziende 'cammellate' di de Pascale? Vedremo se ci sono violazioni della legge elettorale"

RavennaToday è in caricamento