menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

"Le condizioni dei lavoratori nella ristorazione al limite dello sfruttamento"

Ravenna in Comune, attraverso il consigliere comunale Massimo Manzoli, lancia l'allarme, evidenziando " due le problematiche che preoccupano: i cosiddetti “appalti fittizi” e i “falsi part-time”"

"Le condizioni dei lavoratori nella ristorazione e nel turismo a Ravenna sono estremamente precarie tanto che pare ci siano fino a 8000 lavoratori irregolari, al limite dello sfruttamento". Ravenna in Comune, attraverso il consigliere comunale Massimo Manzoli, lancia l'allarme, evidenziando " due le problematiche che preoccupano: i cosiddetti “appalti fittizi” e i “falsi part-time”".

"I primi sono in buona sostanza determinati da società che prendono in gestione attività come bar, ristoranti, alberghi e stabilimenti balneari, pagando un canone di affitto al titolare ma prendendo di fatto in mano tutta la gestione dell' esercizio - spiega Manzoli -. Compresa quindi anche l' assunzione e il pagamento degli stipendi dei dipendenti. Questo meccanismo permette loro enormi sgravi fiscali facendo risultare in trasferta i lavoratori che, però, loro malgrado si vedono grosse anomalie sulle buste paga. Una forma di somministrazione estremamente sul filo di legge che preoccupa anche i sindacati ravennati".

"Oltre a questo l’altra grande pratica di uso comune è quella dei rinomati falsi part time: la pratica di "sfruttamento" dei lavoratori, in questo caso, è tutto sommato abbastanza semplice - aggiunge il consigliere comunale -. Si tratta infatti di personale che viene assunto da contratto per svolgere meno di 40 ore di lavoro a settimana, a fronte di uno stipendio chiaramente ridotto rispetto al tempo pieno. In realtà, una volta iniziato a prendere servizio dentro un bar, un ristorante o un albergo, il lavoratore si ritrova a lavorare in certi casi anche il doppio delle ore effettivamente stabilite a livello contrattuale".

"Ttutti gli imprenditori del settore devono essere sostenuti e messi in condizione di poter fare al meglio il loro lavoro proponendo, quindi, contratti e condizioni di lavoro dignitose ai dipendenti stagionali e non, e che ogni lavoratore ha diritto a condizioni di lavoro chiare e dignitose", evidenzia Manzoli, che ha depositato un question time che verrà discusso martedì in Consiglio comunale. "Alla Giunta ho chiesto se i numeri emersi sui quotidiani siano reali dimostrando una situazione preoccupante e grave, quali controlli siano stati fatti in questi mesi e come saranno intensificati fin dai prossimi giorni per porre un freno a questo problema, e quali azioni future intendano mettere in campo per azzerare la problematica ed evitare il verificarsi in futuro di situazioni del genere", conclude. 


 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RavennaToday è in caricamento