Lido di Dante, "il comune scippa due stalli ai diversamente abili"

Due stalli, riservati alla sosta delle auto con contrassegno per disabili, sono stati soppressi per essere dedicati al carico e scarico merci.

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di RavennaToday

Una persona ha segnalato a Lista per Ravenna che nel parcheggio centrale del lungomare di Lido di Dante, è stata stravolta la disponibilità della sosta per i diversamente abili. Anche questo succede a Lido di Dante, nonostante gli impegni delle varie associazioni nel richiamare l'attenzione degli amministratori di Ravenna sui noti problemi che hanno i diversamente abili nella fruizione delle spiagge. Due stalli, riservati alla sosta delle auto con contrassegno per disabili, sono stati soppressi per essere dedicati al carico e scarico merci; mentre il terzo, relegato in una zona angusta e scarsamente visibile. Eppure, questo parcheggio era stato dotato di tre piazzole, ben visibili, proprio perché il più comodo per i portatori di disabilità accedere al mare. Infatti, in questa collocazione, dall'inizio dell'arenile è possibile raggiungere la battigia agevolmente poiché dotata di piastre di cemento dal Bagno Smeraldo. Non sono note le motivazioni che hanno spinto il comune a dedicare ben tre parcheggi al carico e scarico merci, considerato che tutte le attività su quel tratto (gli stabilimenti balneari e quelle del parco) sono ampiamente servite da spazi loro dedicati. L'assurdo è togliere a chi ne ha veramente bisogno. Che si tratti di uno "scippo" lo evidenzia la segnaletica orizzontale riportata nei riquadri di una foto e tuttora esistente. Non c'è da aggiungere altro, le foto allegate esplicano piena efficacia. Il nostro capogruppo in consiglio comunale, Alvaro Ancisi, chiederà pertanto al servizio comunale preposto che provveda con urgenza alla restituzione degli stalli per la sosta alle auto dei diversamente abili. I diritti dei portatori di disabilità si sostengono anche segnalandone, giorno per giorno, caso per caso, le lesioni. Come Lista per Ravenna fa da 14 anni, con l'ausilio degli organi di stampa.

Torna su
RavennaToday è in caricamento