Limite agli ingressi degli stranieri, Mingozzi: "Pressione insopportabile"

"Condivido pienamente la posizione assunta dal Sindaco nella lettera a Renzi; siamo vicini al collasso nell'offerta di servizi e nelle condizioni di vivibilità in molte provincie e comuni, tra i quali Ravenna"

“Condivido pienamente la posizione assunta dal Sindaco nella lettera a Renzi; siamo vicini al collasso nell’offerta di servizi e nelle condizioni di vivibilità in molte provincie e comuni, tra i quali Ravenna, dove l’immigrazione negli ultimi anni è cresciuta in modo abnorme”, afferma il vicesindaco Giannantonio Mingozzi.  “Ammesso che esista un  numero programmato degli ingressi nel nostro paese nessuno se ne è accorto; - sottolinea Mingozzi - francamente le economie di territori come quella ravennate o emiliano–romagnola oggi sono ben oltre il limite di integrazione fissato dalle opportunità di inserimento lavorativo che non esistono più né per gli immigrati né per i giovani che non trovano occupazione. Senza un opportuno riequilibrio territoriale e un freno ai numeri i comuni come i nostri continuano a subire una pressione ormai insopportabile”.

“Chi esamina con coraggio e sulla base di dati inoppugnabili questa situazione, come ha fatto Matteucci anche a rischio di andare contro corrente, non può essere criticato perché non informa il partito (Maestri) o fa il verso alla destra (Paglia); ormai un pubblico amministratore che voglia assumersi in toto le proprie responsabilità amministrative e morali di fronte alla città e possibilmente prevenire il peggioramento della convivenza civile e di una difficile integrazione deve dire quello che pensa, secondo coscienza e senza tatticismi ideologici”, sostiene il vicesindaco.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Ma il sindaco, conclude Mingozzi, ha posto anche il problema del welfare ravennate e di quanto potremo mantenerne in futuro vista la scarsità di risorse di cui disponiamo, la giusta declaratoria dei doveri e dei diritti  e l’aumento della platea dei richiedenti: anche per questa problematica bisogna “guardare in bocca al cavallo” senza paura di toccare alcuna suscettibilità di schieramento”, conclude.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Verso un nuovo decreto: coprifuoco, scuola al pomeriggio e restrizioni per i locali

  • Folle inseguimento sulle auto rubate nella notte: finisce con un incidente

  • 10 alunni e 2 insegnanti positivi al Covid: la scuola chiude e fa il tampone a tutti

  • Investita mentre attraversa sulle strisce: donna in condizioni gravissime

  • Azienda in crisi e lavoratori a rischio, lo sfogo di una dipendente: "Ci hanno abbandonati"

  • Coronavirus, 53 nuovi casi nel ravennate: anziani positivi in casa di riposo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RavennaToday è in caricamento