menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Lo spettacolo teatrale che spiega il gender ai bambini fa discutere

Lo spettacolo era già finito nell'occhio del ciclone l'anno scorso, quando era andato in scena al teatro Rasi di Ravenna ricevendo critiche da parte del Popolo della Famiglia

Lo spettacolo era già finito nell'occhio del ciclone l'anno scorso, quando era andato in scena al teatro Rasi di Ravenna ricevendo critiche da parte del Popolo della Famiglia. Ora si ripresenta un copione simile, ma questa volta a contestare "Fa'Afafine", spettacolo che racconta la storia di Alex, bambino “gender creative” e che sta facendo il giro delle scuole di tutta Italia, è Galeazzo Bignami che ha interessato la Regione Emilia Romagna, attraverso il gruppo Forza Italia, per ottenere chiarimenti su quanto andato in scena all’Istituto comprensivo di Conselice; il 'collega' Andrea Galli ha inoltre presentato un'interrogazione in Regione in merito.

"Il 20 marzo scorso l’Istituto ha promosso la partecipazione degli alunni della scuola secondaria di primo grado allo spettacolo teatrale - spiega Bignami - Tuttavia solo il 13 marzo, a fronte di alcune segnalazioni da parte dei genitori pervenute via email, di incontri con docenti e richieste di chiarimenti da parte delle famiglie l'istituto avrebbe fatto giungere alle famiglie una richiesta di consenso. Tra l’altro nella richiesta di consenso si specificava che il tema dello spettacolo non era condiviso da tutti, informando inoltre che le tematiche affrontate erano già state trattate dai docenti con i ragazzi. La circolare ministeriale 1972 del 15 settembre 2015, proprio in riferimento alla teoria del gender, chiarisce che “tra i diritti e i doveri e tra le conoscenze da trasmettere non rientrano in nessun modo nè ideologie gender, nè l’insegnamento di pratiche estranee al mondo educativo”, e tutte le attività extracurricolari devono essere oggetto di consenso informato da parte dei genitori. La Regione chiarisca dunque quali iniziative intenda disporre per garantire un’adeguata informazione alle famiglie sulle attività extracurricolari proposte agli studenti e chiarisca se quanto verificatosi nell’Istituto di Conselice sia conforme alle circolari del Miur in materia".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RavennaToday è in caricamento