rotate-mobile
Domenica, 23 Gennaio 2022
Politica

Lotta agi eco-reati, M5S: "Utilizzare maggiormente le fototrappole"

“La lotta agli eco-reati e ai comportamenti illeciti in materia di rifiuti è una priorità per il Movimento 5 stelle "

“La lotta agli eco-reati e ai comportamenti illeciti in materia di rifiuti è una priorità per il Movimento 5 stelle quanto per tutta la coalizione, lo stiamo dimostrando nei fatti con questa proposta articolata e condivisa anche da alcune forze di opposizione”: lo dice il consigliere capogruppo pentastellato Giancarlo Schiano. Martedì scorso in Consiglio Comunale si è parlato di eco-reati e la maggioranza ha trovato un testo condiviso anche da alcuni consiglieri di opposizione.

Per il M5S il salto di qualità avverrà non solo con il posizionamento delle foto trappole ma anche con l’educazione civica: “Un punto che abbiamo aggiunto affinché la giunta e il Comune si impegni all'istituzione di alcune giornate dedicate per sensibilizzare i giovani a questa problematica di carattere civile, in tutte le scuole di ogni ordine e grado - aggiunge il consigliere pentastellato - . Il Movimento 5 Stelle a Ravenna ha contribuito ad una maggiore articolazione che andasse a toccare tutti i punti nevralgici della proposta, del resto abbiamo già usato queste tecnologie per la lotta agli eco-reati.  La riprova della loro efficacia si ebbe a Roma nel 2020 con Virginia Raggi quando, a consuntivo, il Nucleo ambiente e decoro (Nad) della Polizia locale è riuscito ad elevare circa 2.400 sanzionati, che corrispondono a circa 300 mila euro".

“Ravenna non è certo una città metropolitana - continua il capogruppo Giancarlo Schiano - ma dando ascolto alle richieste dei cittadini, posizionando le fototrappole nelle così dette “zone calde” della città, educando i giovani a non commettere questi eco-reati sarà indubbia la loro efficacia e visti i risultati ottenuti altrove sottoscriviamo quanto abbiamo proposto con la maggioranza.” Il consigliere pentastellato conclude dicendo: “l’utilizzo di queste tecnologie è la base per identificare e perseguire tanto i singoli e quanto le organizzazioni ma non dimentichiamoci che non tutti i reati sono riconducibili a singoli atti sporadici, talvolta sono state identificate vere e proprie organizzazioni che hanno buttato diversi tipi di materiali nei cassonetti domestici o in aree verdi ".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lotta agi eco-reati, M5S: "Utilizzare maggiormente le fototrappole"

RavennaToday è in caricamento