menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Lunedì riaprono i cimiteri. E negli esercizi commerciali 'precedenza' a donne e disabili

"Lista per Ravenna saluta con soddisfazione l’esito positivo di proprie proposte atte a risolvere problemi apprezzabili che, perdurando le limitazioni delle attività sociali contro il covid-19, le erano stati sollevati dai cittadini"

"Lista per Ravenna saluta con soddisfazione l’esito positivo di proprie proposte atte a risolvere problemi apprezzabili che, perdurando le limitazioni delle attività sociali contro il covid-19, le erano stati sollevati dai cittadini". E' raggiante Alvaro Ancisi, capogruppo in consiglio comunale di Lista per Ravenna, alla notizia dall'apertura dei cimiteri

"Il presidente della Regione aveva riaperto, con ordinanza del 22 aprile, anche i negozi di fiori. Con quella dell’11 aprile aveva però mantenuti chiusi al pubblico i cimiteri, massimi destinatari di questi prodotti, cosicché i chioschi piazzati agli ingressi del cimitero monumentale di Ravenna e quelli presso i molti camposanti delle frazioni di campagna e del litorale non hanno avuto ragione di riaprire. Non essendo luoghi ordinari di assembramento ed avendo larghi spazi in cui i visitatori possono facilmente tenersi a distanza, molto più che nei supermercati e in altri luoghi e locali accessibili al pubblico, Lista per Ravenna, tramite il sindaco, ne aveva richiesto la riapertura con urgenza, che infatti è stata disposta con l’ultima ordinanza regionale del 30 aprile, a partire da lunedì 4 maggio, quando i visitatori potranno comprare i fiori nei chioschi riaperti con l’occasione" ha detto Ancisi.

"Sabato 25 aprile abbiamo chiesto al sindaco di disporre la precedenza ai disabili e alle donne in gravidanza all’ingresso degli esercizi commerciali, specie degli iper e supermercati e delle altre medio-grandi strutture di vendita, dove si producono regolarmente lunghe file di clienti in attesa col carrello, perfino di 200 metri nelle maxi strutture attrattive di clienti da tutto il territorio comunale. Il disagio può essere più grave per queste persone maggiormente fragili. Nella videoconferenza dei capigruppo del Comune di Ravenna, avvenuta giovedì scorso, il sindaco si è detto del tutto d’accordo con la nostra proposta, affermando che sarà inserita nell’ordinanza che sta predisponendo in materia" ha concluso l'esponente di LpR

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Dall'Antica Roma al terzo millennio: il mito eterno dei Lom a Merz

Arredare

Una casa di tendenza con i colori pantone del 2021

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RavennaToday è in caricamento