Martedì, 28 Settembre 2021
Politica

Maiolini-Piccinini (M5S): "Rafforzare la collaborazione tra la Regione e Sapir"

"Riteniamo necessario consolidare e rafforzare la collaborazione tra la nostra Regione, la Sapir e tutte quelle realtà che possono concorrere allo sviluppo integrato del porto"

“Il gruppo Sapir rappresenta oggi una delle maggiori porte di interscambio logistico del Mar Mediterraneo che consente di connettere l’Europa con il resto del Mondo. La Regione Emilia-Romagna, sin dal 1976, partecipa alla Società per Azioni Sapir e costituisce un attore di estrema rilevanza per lo sviluppo del porto di Ravenna. È per questa ragione che riteniamo necessario consolidare e rafforzare la collaborazione tra la nostra Regione, la Sapir e tutte quelle realtà che, lavorando secondo una logica di sistema, possono concorrere allo sviluppo integrato del porto, soggetto fondamentale per il nostro territorio e la nostra economia”. È quanto dichiarano il consigliere comunale Marco Maiolini e la capogruppo regionale del Movimento 5 Stelle, Silvia Piccinini, al termine della visita al gruppo Sapir di Ravenna che si è svolta nella giornata di lunedì.

“Abbiamo voluto osservare da vicino il meticoloso e fondamentale lavoro svolto dai diversi reparti che compongono la Sapir: un ottimo ingranaggio che consente l’arrivo di ogni tipo di bene sulle nostre tavole e nelle nostre case - spiegano Piccinini e Maiolini - Purtroppo la realtà del porto di Ravenna e della Sapir, che per oltre 30 anni ha costruito e gestito il porto fino all’istituzione delle Autorità Portuali nel 1994, è poco conosciuta dai cittadini che non sanno che proprio a Ravenna ha sede un polo logistico di estrema rilevanza per la nostra Regione. Sarebbe auspicabile diffondere, a partire dall'attività svolta dalle scuole, una maggiore conoscenza e consapevolezza di una realtà così importante per Ravenna e per tutta l'Emilia Romagna".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Maiolini-Piccinini (M5S): "Rafforzare la collaborazione tra la Regione e Sapir"

RavennaToday è in caricamento