rotate-mobile
Politica

Matteucci ed i "sette capitoli" per combattere la crisi

Il primo cittadino ha parlato anche di Ravenna 2019, specificando che “si tratta di una straordinaria opportunità, non solo per la crescita delle attività culturali, ma per lo sviluppo economico del territorio

Il sindaco di Ravenna, Fabrizio Matteucci, fa il punto sul programma di mandato. “Nei cinque anni passati abbiamo lavorato per costruire argini contro la crisi e ponti per il futuro, avendo come orizzonte la Ravenna di tutti – ha premesso il primo cittadino nel corso del consiglio comunale -. Lavoro e servizi alla persona continueranno ad essere in primo piano tenendo conto di quello che ragionevolmente, nel quadro di cui parlavo prima, siamo in grado di fare”.

“Continueremo a lavorare anche sui grandi temi che riguardano il presente e il futuro di Ravenna, ma che dipendono da decisioni e finanziamenti che non rientrano nelle competenze del Comune – ha continuato Matteucci -. Mi riferisco in particolare ai grandi investimenti infrastrutturali per il porto (approfondimento fondali in primo luogo), per la viabilità (E 55, by pass del Candiano, interventi ANAS nella Classicana e 309 Dir) e ferroviarie: sono e rimangono priorità per il nostro territorio”.

Il programma si articola in sette capitoli, il primo dei quali “riguarda il welfare, i servizi e l’istruzione. Dagli asili al sostegno per gli anziani, passando per i nuovi bisogni il Comune di Ravenna intende continuare a lavorare per mantenere i livelli raggiunti dai servizi e migliorarli ancora”. Con il calo delle risorse a disposizione, “la sfida sarà quella di adeguare l’offerta delle istituzioni alla domanda dei cittadini facilitando l’accesso ai servizi e ricomponendo il quadro dei diversi soggetti che devono integrarsi per dare risposte più complessive e più efficaci”.

“Il tema delle nuove povertà e del sostegno al disagio sociale saranno uno dei banchi di prova per il nostro Comune – ha osservato il primo cittadino -. Nel secondo semestre del 2011 sono poco meno di 3900 le persone che si sono rivolte alla rete degli sportelli sociali attivati nel nostro distretto”. Matteucci ha ricordato che sono aumentate le persone che si rivolgono alla Caritas, ricordando che “nel ravennate si è passati da 931, nel 2009,  a 1039, nel 2010,  con un incremento di oltre il 10%; per la maggior parte si è trattato di donne, quasi il 60%; gli stranieri sono in numero maggiore degli  italiani; l’età media tra i 35 e i 54 anni, in maggioranza disoccupati”.

Matteucci ha anche sottolineato che “nel 2010 gli sfratti eseguiti sono stati 297, più della metà di quelli emessi che sono stati 563. La lotta alle nuove povertà e il tema dell’emergenza abitativa sono per noi  priorità assolute”. L'obiettivo è “avviare una riflessione approfondita sul sostegno alle diverse forme del disagio sociale per renderlo più rispondente alla diversità dei bisogni”.

Il primo cittadino ha parlato anche di Ravenna 2019, specificando che “si tratta di una straordinaria  opportunità, non solo per la crescita delle attività culturali, ma per lo sviluppo economico e sociale del territorio. Tutte le città che sono state capitali europee della cultura hanno potuto contare su   importanti investimenti anche nel settore delle infrastrutture, della qualificazione   urbanistica e su un importante incremento delle presenze turistiche”.

Quanto alla sostenibilità, “l’idea di fondo che sta alla base delle politiche del nostro Comune per l’ambiente è che la tutela dell’ambiente, il risparmio energetico, il consumo limitato ed intelligente del territorio sono gli ingredienti principali di uno sviluppo economico di qualità”. Si punta all’obiettivo fissato dalla Ue per il 2020, ovvero “ridurre del 20% le emissioni di gas a effetto serra, portare al 20% il risparmio energetico e aumentare al  20% il consumo di fonti rinnovabili”.

In merito al tema del lavoro e allo sviluppo economico, l'obiettivo è quello di “proseguire nell’impegno per sostenere il tessuto delle imprese locali e per difendere l’occupazione rafforzando quelle azioni messe in campo per superare la crisi. Nello stesso tempo continueremo a lavorare per il dopo, per creare nuove occasioni di crescita economica e sociale”.

Matteucci ha sottolineato che un altro punto del programma riguarda la riqualificazione della Darsena di città nell’ambito di un capitolo più ampio dedicato al territorio. “Nella passata legislatura – ricorda il primo cittadino - abbiamo approvato tutti gli strumenti di programmazione previsti dalle nuove leggi regionali: Psc, Poc, Rue, Piano dell’Arenile, Poc tematico della logistica”. La Nuova  Darsena rappresenta “uno degli elementi di spicco che caratterizzano il percorso per la candidatura a capitale europea della cultura e il tema sul quale abbiamo sperimentato forme ampie di partecipazione poi riverberate nell’open call per Ravenna 2019”.

Ravenna, ha continuato il sindaco, vuole “promuovere azioni per incentivare ogni forma  di partecipazione dei cittadini alla vita della comunità, a partire soprattutto dai giovani.  Promuovere i nuovi talenti, coinvolgere maggiormente i giovani nella vita cittadina valorizzando le loro competenze è uno degli obiettivi che caratterizzano le nostre politiche sul versante giovanile. Il primo cittadino ha parlato anche di rinnovamento della  classe dirigente; quindi ha assicurato che si continuerà “nelle azioni anche di sostegno delle  associazioni femminili per promuovere la cultura del rispetto fra uomo e donna e contro la violenza di genere.   Sul versante dell’integrazione resta per noi prioritario promuovere percorsi di accoglienza e inclusione sociale. Siamo convinti sia questa l’unica strada percorribile per vivere bene nella nostra comunità”.


Matteucci ha anche parlato di evasione fiscale, specificando che si tratta di “un obiettivo prioritario e una questione di rispetto per chi le tasse le paga. Non possiamo tollerare che nel momento in cui a tutti vengono chiesti sacrifici ci sia qualcuno che si permette di non rispettare le regole. Intensificheremo l’attività di controllo e di accertamento”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Matteucci ed i "sette capitoli" per combattere la crisi

RavennaToday è in caricamento