menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Mercatone Uno: Articolo Uno insieme ai lavoratori al presidio

"Il senatore Vasco Errani, di Articolo Uno, ha presentato un’interrogazione urgente al ministro Di Maio per avere una risposta rispetto alla drammatica situazione del Mercatone Uno"

Articolo Uno Ravenna esprime solidarietà nei confronti dei lavoratori di Mercatone Uno: più di 1800 lavoratori in Italia, di cui 450 solo in Emilia-Romagna e 50 solo nella provincia di Ravenna, infatti, dal 24 maggio si trovano senza un lavoro, senza retribuzione e senza la protezione degli ammortizzatori sociali.

"Siamo andati ad esprimere la nostra solidarietà e vicinanza al presidio dei lavoratori a Russi lo scorso venerdì - spiegano dal movimento - Il senatore Vasco Errani, di Articolo Uno, ha presentato un’interrogazione urgente al ministro Di Maio per avere una risposta rispetto alla drammatica situazione del Mercatone Uno". "Ho presentato un'interrogazione al ministro Di Maio per avere una risposta rispetto alla drammatica situazione dei lavoratori di Mercatone Uno - spiega Errani - Più di 1800 lavoratori dal 24 maggio, infatti, sono stati colpiti dal fallimento di Mercatone Uno e si trovano ad oggi senza retribuzione e senza la protezione degli ammortizzatori sociali. Con l'interrogazione presentata in Senato, ho chiesto al Governo di attivarsi affinché venga data una risposta immediata e positiva alla richiesta dei sindacati di attivazione della cassa integrazione straordinaria per gli oltre 1800 lavoratori coinvolti e quali iniziative intenda adottare per favorire la vendita di questo storico marchio della grande distribuzione a un soggetto in grado di rilanciarne l'attività".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Arredare

Una casa di tendenza con i colori pantone del 2021

Attualità

Russi, partono i corsi di lingua del Comitato di Gemellaggio

Fitness

Gli esercizi da fare a casa per rassodare il seno

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RavennaToday è in caricamento