Giovedì, 23 Settembre 2021
Politica

Mobilità sostenibile, la lista di Maiolini punta su nuove ciclabili, energia rinnovabile e zona 30 in città

"La nostra città ha bisogno di mezzi di trasporto pubblici che possano offrire una valida alternativa all’automobile e ciclabili che colleghino Ravenna alle frazioni", affermano gli esponenti Pardini e Pandozi

"E’ arrivato il momento di raccogliere senza indugi l’allarme della scienza sui cambiamenti climatici in atto, è pertanto improrogabile modificare i nostri stili di vita e le nostre abitudini. Piccoli cambiamenti che, con minimo sforzo, contribuiscono a migliorare il benessere delle persone". Lo dicono Gianni Pardini e Giovanna Pandozi, candidati per la Lista “Ambiente e Territorio con Maiolini” alle prossime amministrative che intende accompagnare la cittadinanza "lungo un percorso di cambiamento partendo dalla mobilità sostenibile, promuovendo una serie di iniziative mirate a potenziare la rete di piste ciclabili esistente e alla realizzazione di nuovi percorsi. La lista propone inoltre di puntare all’ abbandono dei mezzi di trasporto pubblici alimentati con carburanti di origine fossile, per passare a veicoli alimentati a energia rinnovabile".

"La nostra città - continuano Pardini e Pandozi - ha bisogno di mezzi di trasporto pubblici che possano offrire, per frequenza oraria e qualità del servizio, una valida alternativa all’automobile. Ha bisogno inoltre di una rete di piste ciclabili che colleghino Ravenna alle sue frazioni. Per quanto riguarda le piste ciclabili o ciclopedonali, infatti, Ravenna ha fatto molto in questi anni, ma si può e si deve fare di più. Congegnare una rete di percorsi ciclopedonali capillare e sicura rappresenta una sfida non solo per contrastare i cambiamenti climatici producendo emissioni, ma anche per ridurre e infine azzerare l’elevato numero di morti e feriti che si registrano annualmente fra pedoni e ciclisti. L’Associazione Sostenitori e Amici della Polizia Stradale (ASAPS) ha denunciato proprio pochi giorni fa questo gravissimo problema, auspicando un intervento tempestivo da parte della politica".

Fra le idee portate avanti dalla lista “Ambiente e Territorio con Maiolini”, che sostiene la ricandidatura a sindaco di Michele De Pascale, ci sono il limite di 30 Km/h in città "nei tratti urbani in cui sia difficile o impossibile tracciare percorsi ciclabili ben distinti dai percorsi previsti per gli altri veicoli"; piste ciclabili ben visibili con tratti colorati nelle intersezioni con le strade percorse dagli altri veicoli; sicurezza obbligatoria in bici, ovvero "favorire l’utilizzo dei dispositivi ad alta visibilità negli orari notturni"; sicurezza garantita a piedi, coadiuvati anche dal Piano Eliminazione delle Barriere architettoniche (PEBA), approvato dal Consiglio Comunale, al fine di "mettere i pedoni e le persone con difficoltà motorie in condizione di circolare in sempre maggiore sicurezza, quindi anche mantenere i marciapiedi, che in molti tratti cittadini sono sconnessi o addirittura inesistenti, in condizioni ottimali per consentirne la regolare fruibilità".

"Infine sarà importante attuare il Piano della Mobilità Ciclistica Urbana e Extraurbana, che la Giunta ha già approvato nella scorsa legislatura, che prevede la realizzazione di nuove piste ciclabili concludono Pardini e Pandozi - ma sarà altrettanto importante provvedere alla periodica manutenzione delle piste già esistenti, perché siano fruibili anche negli anni successivi alla loro realizzazione".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Mobilità sostenibile, la lista di Maiolini punta su nuove ciclabili, energia rinnovabile e zona 30 in città

RavennaToday è in caricamento