rotate-mobile
Venerdì, 20 Maggio 2022
Politica

Morìa di pesci nel Candiano, Europa Verde: "Fare chiarezza su danni e responsabilità"

"Vicino alla banchina della testata, più o meno all’altezza della struttura che conserva il Moro di Venezia, si sarebbe infatti creata una falla nell’asfalto che conduce alle fognature"

Il Gruppo Europa Verde ha depositato un’interrogazione in Assemblea legislativa dell’Emilia-Romagna per chiedere alla Giunta regionale chiarimenti sulla moria di centinaia di pesci, principalmente cefali, avvenuta il 1 febbraio sul canale Candiano, a Marina di Ravenna. La notizia è stata segnalata anche da Graziella Bacchilega e Gian Luca Baldrati, co-portavoce di Europa Verde Ravenna.

“Martedì scorso, raccogliendo le testimonianze oculari di alcune persone che si trovavano nei pressi del canale Candiano, i due portavoce di Europa Verde Ravenna hanno segnalato ad Arpae e al Comune di Ravenna la moria di pesci avvenuta verso il ponte mobile del canale - afferma Silvia Zamboni, capogruppo di Europa Verde e vicepresidente dell’Assemblea legislativa dell’Emilia-Romagna - Secondo quanto riportato, la moria di pesci potrebbe essere conseguenza del cedimento, in alcuni tratti, dell’impianto fognario comunale. Vicino alla banchina della testata, più o meno all’altezza della struttura che conserva il Moro di Venezia, si sarebbe infatti creata una falla nell’asfalto che conduce alle fognature. Non a caso per un paio di giorni un odore nauseabondo è stato avvertito dai cittadini anche in darsena. Come Verdi raccogliamo la preoccupazione dei residenti e chiediamo alla Giunta regionale di verificare se siano stati effettuati, da parte dei tecnici di Arpae e del Comune di Ravenna, prelievi di acqua e di pesci e, in caso affermativo, se siano disponibili i risultati delle analisi, con indicazione delle sostanze che si sospetta abbiano provocato la moria. Inoltre, vorremmo sapere se l’inquinamento delle acque sia imputabile al malfunzionamento o alla scarsa manutenzione di alcuni tratti dell’impianto fognario comunale. Infine, sottolineiamo la necessità di chiarire se siano previste modalità di compensazione, come forma di risarcimento a seguito dei danni causati all’ambiente, a carico di coloro che, anche involontariamente, ne siano responsabili”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Morìa di pesci nel Candiano, Europa Verde: "Fare chiarezza su danni e responsabilità"

RavennaToday è in caricamento