menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Immagine di repertorio

Immagine di repertorio

"In via Miserocchi c'è una moschea abusiva e il sindaco lascia correre"

A intervenire, con parole molto pesanti, sul caso che sta facendo molto discutere la città sono Jacopo Morrone, segretario nazionale di Lega Nord Romagna, e Samantha Gardin, segretario provinciale del Carroccio

"Dopo la moschea delle bassette, la più grande del Nord Italia e la seconda a livello nazionale, l’amministrazione di Ravenna accoglie di buon grado altri ben noti luoghi di preghiera: come quello di via Miserocchi, di fatto una moschea". A intervenire, con parole molto pesanti, sul caso che sta facendo molto discutere la città sono Jacopo Morrone, segretario nazionale di Lega Nord Romagna, e Samantha Gardin, segretario provinciale del Carroccio. "Nessuna perplessità e verifica sulla natura dello stabile, sul rispetto del vincolo edilizio, sulla destinazione d’uso dell’immobile o sul rispetto delle normative igienico sanitarie".

"Il sindaco, dopo un'estate di furti e violenze che hanno ampiamente dimostrato l'incapacità di questa amministrazione di far fronte alle reali esigenze di sicurezza del nostro territorio, lascia correre anche sull’ennesima moschea che di fatto oggi sorge a Ravenna”, proseguono i due segretari. Per il Carroccio si tratta di due pesi e due misure: “Se un cittadino ravennate utilizzasse un immobile impropriamente, ossia per un uso diverso da quello concesso dal Comune, incorrerebbe in pensanti e giuste sanzioni. Cosa che invece sembrerebbe non valere per la comunità islamica che ha in dotazione i locali di Via Miserocchi. Ci piacerebbe infatti conoscere il titolo di concessione abitativa e di utilizzo di questo stabile e la natura dell’associazione che ne gestisce i locali”. Infine i due esponenti della Lega prendono di mira la visita del vicesindaco Eugenio Fusignani definendo "ridicola la sfilata del vicesindaco e le sue ‘stemperate’ dichiarazioni a seguito delle crescenti proteste dei residenti. Posto che per la religione islamica la preghiera più importante della settimana è quella del venerdì pomeriggio alle 17, è ovvio che di domenica sera, momento della sua visita, non vi fosse il pienone. E' come dire di andare ad assistere alla Santa Messa il lunedì mattina alle 8 piuttosto la domenica alle 11”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Sotterrata nel giardino della scuola una "capsula del tempo": verrà aperta nel 2070

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RavennaToday è in caricamento