rotate-mobile
Mercoledì, 25 Maggio 2022
Politica

Governo M5S-Lega? Ecco la nuova geografia dei parlamentari locali

Le tre province romagnole potrebbero contare su 5 parlamentari di maggioranza, 4 di opposizione e 2 nella zona grigia dei “benevolmente astenuti”

Se nascerà (o a questo punto forse meglio dire "quando nascerà") l'inedito governo nato dall'alleanza politica tra Movimento 5 Stelle, Lega Nord e il supporto esterno (con una “benevola astensione”) di Silvio Berlusconi e Forza Italia, come si dislocherà in Parlamento la pattuglia dei deputati locali eletti in Romagna? Le tre province romagnole potrebbero contare su 5 parlamentari di maggioranza, 4 di opposizione e 2 nella zona grigia dei “benevolmente astenuti”.

Tra i parlamentari rappresentativi della futura e inedita maggioranza di governo avranno un posto di grande rilievo Jacopo Morrone, forlivese, segretario della Lega Nord Romagna (capolista per la Lega), Giulia Sarti, riminese, deputato uscente del M5S sotto “giudizio” per la vicenda di un mancato rimborso, Carlo Ugo De Girolamo, 32 anni, docente universitario scelto con le “parlamentarie”, di Modigliana ma residente a Forlì, sempre del M5S, e Marco Croatti, riminese anch'egli pentastellato ed eletto in Senato. Tutti e quattro i parlamentari sono stati eletti in collegi plurinominali e quindi hanno attinto, per i loro voti, da tutto il territorio delle tre province sorelle (Forlì-Cesena, Ravenna e Rimini). Completa il quadro della pattuglia di maggioranza Elena Raffaelli, deputata riccionese del Carroccio espressione di Rimini e provincia. A conti fatti, quindi: tre rappresentanti in Parlamento del M5S e due della Lega Nord.

La pattuglia di chi dovrà “dare battaglia” sui banchi dell'opposizione è invece composta da 4 parlamentari locali. Qui ci ricadono tutti e tre gli eletti del Partito Democratico: Marco di Maio di Forlì, Alberto Pagani di Ravenna e Stefano Collina di Faenza, quest'ultimo al Senato. Sulla stessa sponda l'unico eletto di Liberi e Uguali in Romagna, l'ex governatore Vasco Errani, di Ravenna, che con gli ex compagni di partito si ritroverà ora a combattere molte battaglie comuni. Infine, nel limbo di una “benevola astensione” che non si sa quanto potrebbe durare ci ricadono i due deputati locali espressione di Forza Italia: Simona Vietina, sindaco di Tredozio, e Antonio Barboni, neodeputato riminese.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Governo M5S-Lega? Ecco la nuova geografia dei parlamentari locali

RavennaToday è in caricamento