rotate-mobile
Martedì, 7 Dicembre 2021
Politica

Orti sociali in zona rossa, Ancisi (LpRa): "Liberi di coltivare per autoconsumo"

Il rappresentante della Lista civica fa chiarezza sui dubbi emersi dal ritorno in zona rossa: "Occorre munirsi di un’autodichiarazione"

Con il ritorno in zona rossa tornano attuali i dubbi relativi agli orti che erano già sorti durante il lockdown della scorsa primavera. Dubbi che vengono riportati anche da Alvaro Ancisi (Lista per Ravenna), che si chiede: “È consentito andare nel proprio orto o nel proprio campo a svolgere i lavori di stagione, come vangare, seminare, potare, raccogliere gli ortaggi per la famiglia?”. 

Ancisi riporta che, con il ritorno in zona rossa, "le chiamate del genere sono state svariate, anche perché si è saputo, spargendosi anche la voce, che pattuglie di diverse forze dell’ordine avevano fermato alcuni ortisti diretti verso i loro terreni ammonendoli a tornarsene a casa. Telefonate fatte a varie istituzioni o non avevano ricevuto risposta o non avevano dissolto alcun dubbio. Sono tornate dunque d’attualità le vicende di fine aprile 2020, che generarono scalpore, incomprensioni e recriminazioni nei molti cittadini in possesso di piccoli campi od orti coltivati per autoconsumo, i quali, secondo talune interpretazioni delle restrizioni dettate dal DPCM appena entrato in vigore, non avrebbero potuto recarvisi per curarli e raccoglierne i prodotti. Il Comune stesso lo aveva vietato per i propri 1283 orti sociali dati in uso ad anziani. Lista per Ravenna si batté con successo perché fosse chiarito che in realtà non c’era alcun divieto. Contro le multe impartite, furono fatti i ricorsi, anche sulla base di un fac-simile da noi prodotto".

"La risposta agli interrogativi d’oggi - prosegue Ancisi - è la stessa di allora. Convinto di ciò, ne ho tuttavia chiesto conferma al comandante della polizia locale, Andrea Giacomini". Riportando le Faq del Governo si apprende che "la cura dei terreni ai fini di autoproduzione, anche personale e non commerciale, integra il presupposto delle esigenze lavorative, contemplato per le zone arancioni e rosse. Quindi la coltivazione del terreno per uso agricolo e l’attività diretta alla produzione per autoconsumo (quale ad. esempio quella di raccolta delle olive, conferimento al frantoio e successiva spremitura) sono consentite, a condizione che il soggetto interessato attesti, con autodichiarazione completa di tutte le necessarie indicazioni per la relativa verifica, il possesso di tale superficie agricola produttiva e che essa sia effettivamente adibita ai predetti fini, con indicazione del percorso più breve per il raggiungimento del sito".

"In parole povere - conclude Ancisi -, occorre munirsi di un’autodichiarazione in cui scrivere di possedere un terreno agricolo produttivo di una determinata superficie, coltivato in proprio per uso personale non commerciale, indicando il percorso più breve tra l’indirizzo di partenza da casa e l’indirizzo di arrivo al terreno. Vale anche per gli orti sociali di cui il Comune di Ravenna, essendone proprietario, ha trasferito il possesso a degli anziani dietro pagamento di un canone".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Orti sociali in zona rossa, Ancisi (LpRa): "Liberi di coltivare per autoconsumo"

RavennaToday è in caricamento