menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Palestre a rischio, la Lega: "Contributi a fondo perduto per gli impianti sportivi"

"Alle minori entrate vanno aggiunti i costi che i conduttori degli impianti hanno dovuto sostenere per adeguare gli stessi ai requisiti stabiliti dai protocolli"

Contributi a fondo perduto a favore dei gestori di palestre, piscine e impianti sportivi qualora Roma ne imponesse la chiusura. Lo chiede il gruppo regionale della Lega Emilia Romagna in una risoluzione a prima firma Andrea Liverani, spronando l'esecutivo regionale ad attivarsi nei confronti del Governo nazionale per avere garanzia di un sostegno alle attività e ai livelli occupazionali di un comparto già profondamente toccato dalla crisi conseguente all'emergenza sanitaria, "nonché ad intervenire con mezzi propri a sostegno del settore prevedendo, attraverso il Bilancio regionale 2021 - 2023, iniziative tese al rilancio economico dello stesso". 

"In Italia il comparto conta circa 100.000 impianti - spiegano i leghisti - Queste realtà hanno dimostrato di essere in prima linea per la salvaguardia della salute grazie a protocolli di sicurezza validati dalle competenti autorità. Sarebbe un danno incalcolabile se, a causa di pochi, dovessero pagare tutti. I continui e spesso contraddittori annunci in merito alle misure che dovranno essere adottate per contrastare il diffondersi dei contagi stanno generando un clima di incertezza che rischia di mettere definitivamente in ginocchio il comparto, dissuadendo l'utenza dal rinnovare gli abbonamenti alle strutture. E alle minori entrate vanno aggiunti i costi che i conduttori degli impianti hanno dovuto sostenere per adeguare gli stessi ai requisiti stabiliti dai protocolli".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RavennaToday è in caricamento