Mercoledì, 16 Giugno 2021
Politica

Partiti i lavori per la rimozione della Berkan B, Italia Nostra: "E il cimitero delle navi?"

"Su questa vicenda al momento non esistono denunce e procedimenti penali: è questo il motivo per cui nessun impegno concreto in tempi brevi è stato annunciato?"

Sono iniziati mercoledì i primi passi per l'intervento di recupero del relitto della motonave 'Berkan B' che da molti anni permane semi-affondato nel porto di Ravenna, nella banchina ex Tozzi lungo il canale Piomboni. Il primo motopontone della società incaricata Fagioli spa ha iniziato a posizionarsi per avviare i lavori di rimozione del relitto. 

"Il Ministro della Transizione Ecologica Roberto Cingolani conferma che la rimozione del relitto Berkan B al Porto di Ravenna potrà attuarsi. Non possiamo dunque che esprimere grande soddisfazione ed un sentito ringraziamento al Vice Capo Gabinetto Nicolò De Salvo, al Direttore Generale per il Mare e Coste (MAC) Carlo Zaghi ed al Capo del Reparto Ambientale Marino – Guardia Costiera (RAM) Ammiraglio Aurelio Caligiore che hanno accolto ed ascoltato con attenzione una delegazione di cittadini al Mite il 13 maggio - commentano da Italia Nostra sezione di Ravenna - Dopo pochi giorni, a seguito di una riunione alla loro presenza in cui è stato convocato il presidente dell’Autorità di Sistema Portuale di Ravenna Rossi, il Ministro ha potuto annunciare soddisfazione per la rimozione, che si auspica imminente".

Dunque, la vicenda durata quasi quattro anni pare aver finalmente termine, ma la preoccupazione non si placa ancora. "Innanzitutto, sembrerebbe evidente che senza le due denunce depositate per il disastro Berkan B oltre due anni fa, nulla si sarebbe mosso, e la conferma arriverebbe da due fatti evidenti: ad ottobre dovrebbe concludersi l’udienza preliminare del procedimento penale per inquinamento ambientale scaturito da queste, e pare non vi siano dubbi che la posizione degli indagati (presidente e segretario dell’Autorità di Sistema portuale) sarà ancor più grave se il relitto, a oltre due anni dall’affondamento e con un bando di gara per la rimozione finito al Tar, resterà sui fondali del porto - continuano da Italia Nostra - Il secondo punto è che sull’altra grave emergenza ambientale e sanitaria, ovvero su quella che senza molti dubbi potrebbe definirsi un’enorme discarica di rifiuti tossici e pericolosi, presso cui bande organizzate raccolgono molluschi destinati al commercio, ovvero il “cimitero delle navi”, nulla è concretamente in programma. Tutto questo nonostante lo stanziamento di fondi annunciato in Legge di Bilancio ai tempi del temporaneo stop - grazie sopratutto al senatore Gregorio de Falco - in Commissione trasporti al Senato, della riconferma della presidenza di Autorità di sistema portuale. Su questa vicenda al momento non esistono denunce e procedimenti penali: è questo il motivo per cui nessun impegno concreto in tempi brevi è stato annunciato? Eppure, un filmato recentissimo mostra le murate delle tre “caravelle” sfondate in più punti, con le lamiere in ferro verniciato in disfacimento e le navi completamente affondate ed invase dalle acque. Chissà quanti inquinanti (acque di sentina, idrocarburi, olii, metalli pesanti, ecc.) sono andati dispersi nella Pialassa Piomboni e nel Porto durante i tredici anni di abbandono di questi giganteschi “rifiuti”, e magari finiti anche nei nostri piatti attraverso i molluschi di frodo o il pescato in Pialassa".

Infine, Italia Nostra si chiede "come sia stato possibile dirottare fondi destinati all’escavo del Candiano, che attende dal 2007, per destinarli invece alla rimozione del relitto Berkan B, dopo aver fatto trascorrere oltre tre anni dal collasso della motonave, lasciata impunemente affondare senza effettuare alcun genere di bonifica del carburante, la cui presenza a bordo era nota. Tante domande, a cui cercheremo di dare risposta, e una preoccupazione che continua: i cittadini non si arrenderanno finché la bonifica - almeno parziale, visti i danni presumibilmente permanenti ormai causati alle acque del Porto e agli ecosistemi della Pialassa - non sarà terminata".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Partiti i lavori per la rimozione della Berkan B, Italia Nostra: "E il cimitero delle navi?"

RavennaToday è in caricamento