rotate-mobile
Venerdì, 20 Maggio 2022
Politica

Rincari, Verlicchi (La Pigna): "La chiusura della piscina è ingiustificata, il gestore aveva già ricevuto un ristoro"

La consigliera della lista civica: "Altri gestori di impianti natatori comunali, come ad esempio quello di Forlì o di Faenza, continuano a garantire il servizio nonostante l’aumento smisurato dei costi per gas e luce"

Si continua a discutere della chiusura della piscina comunale di Ravenna con il gestore dell'impianto che ferma l'attività fino al 27 marzo a causa del caro bollette. Una situazione che non convince la consigliera comunale de La Pigna, Veronica Verlicchi, che deposita un'interrogazione question time per chiedere spiegazioni a sindaco e Giunta comunale.

"La principale motivazione che ha portato alla chiusura dell’impianto natatorio, secondo quanto dichiarato dal gestore è l'aumento del costo del gas e dell'energia elettrica - sostiene Verlicchi - la chiusura della piscina comunale, comunicata peraltro solo 2 giorni prima alle società natatorie e all'utenza, crea fortissimi disagi ad atleti e frequentatori dell’impianto. Le società sportive, per non interrompere l’attività sono costretti a ricorrere all’utilizzo di altri impianti privati. Ciò comporta notevoli disagi e persino danni economici alle società sportive, esponendole alle legittime richieste di rimborso da parte delle famiglie".

Ed è qui che arrivano le maggiori perplessità da parte della consigliera de La Pigna. "La società Pool 4.0 srl è destinataria di un recentissimo ristoro deliberato dalla Giunta Comunale proprio per coprire gli aumenti di gas e luce elettrica e altri gestori di impianti natatori comunali, come ad esempio quello di Forlì o di Faenza, continuano a garantire il servizio nonostante l’aumento smisurato dei costi per gas e luce - proprio per questi motivi Verlicchi ritiene che la decisione della società - di sospendere le attività nella piscina comunale di Ravenna sia del tutto ingiustificata".

Con l'interrogazione, la consigliera d'opposizione chie dunque a sindaco e Giunta "se sia stato preventivamente concordato con la Società Pool 4.0 srl la chiusura della piscina comunale dal 14 marzo al 27 marzo 2022 compreso; in caso negativo quali misure intende adottare nei confronti della società  - e inoltre - a quanto ammonta il ristoro già deliberato dalla Giunta e se intenda erogare ristori e in quale misura per le società natatorie che sono state danneggiate dalla chiusura della piscina comunale".

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rincari, Verlicchi (La Pigna): "La chiusura della piscina è ingiustificata, il gestore aveva già ricevuto un ristoro"

RavennaToday è in caricamento