menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Pochi medici a Ostetricia, il caso finisce in Regione: "Così ritardano le prestazioni"

Secondo l'Azienda sanitaria della Romagna si tratterebbe di "un temporaneo ridimensionamento del reparto, non ancora riassorbito"

La "riduzione del numero di medici nel reparto di ginecologia e ostetricia dell'ospedale di Ravenna" e il conseguente rallentamento di alcune prestazioni come l'ecografia morfologica sono al centro di un'interrogazione di Mirco Bagnari (Partito democratico). L'Azienda sanitaria della Romagna avrebbe spiegato che si tratterebbe di "un temporaneo ridimensionamento del reparto di Ostetricia ginecologia che, vista anche l'ormai nota difficoltà a reperire professionisti sul mercato del lavoro, non si è ancora riusciti a riassorbire completamente".

Tuttavia, sottolinea il dem, "l'Ausl non è riuscita a dare immediata risposta ad alcune pazienti che hanno telefonato per un appuntamento per la visita morfologica e che sono state indirizzate verso ambiti territoriali diversi". Una situazione analoga si starebbe verificando anche per l'esame del Bi-Test. "L'alta qualità delle prestazioni sanitarie- in un ambito così delicato e importante come quello della gestazione e della nascita- rappresenta un elemento di coesione fondamentale per l'Emilia-Romagna," sottolinea Bagnari che chiede quindi alla Regione "se sia al corrente di questa situazione nell'Ausl Romagna e se il problema si sia presentato anche in altre Ausl. In tal caso - continua il dem - la giunta dovrebbe intervenire con ulteriori misure per fronteggiare e risolvere la situazione in tempi rapidi". 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Il gioco da tavolo dell'Inferno di Dante approda a Ravenna

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RavennaToday è in caricamento