menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Porto, Cinzia Pasi: "Irrinunciabili gli interventi di escavo dei fondali ma vanno rispettate salute e ambiente"

Sul porto interviene nuovamente Cinzia Pasi, candidata per il Movimento 5 stelle alle elezioni regionali 2020

"L'incontro tenutosi alla sede degli ormeggiatori di Marina di Ravenna organizzata dal Senatore Marco Croatti con Commissari della 8a commissione Lavori Pubblici comunicazione del Senato il Presidente Mauro Coltorti, il Capogruppo Agostino Santillo e i Commissari Gabriella di  Girolamo e Giorgio Fede  e' stata  assai partecipata oltre che estremamente interessante. Le caratteristiche  del Canale Candiano  e le particolari condizioni ambientali  fanno si che sabbia e altri sedimenti si depositano sul fondale rendendo difficile l'entrata in porto di alcune tipologie di navi. L'innalzamento dei fondali ha cosi' ridotto la possibilita' di  scambi e ridotto la movimentazione di merci con diminuzione  di lavoro sia diretto che per l'indotto". Sul porto interviene nuovamente Cinzia Pasi, candidata alle elezioni regionali 2020 per il Movimento 5 stelle, che sottolinea come l'operazione di scavo sia importante, non dimenticando però salute ed ambiente.

"Nel mio intervento durante l'incontro di stamane ai Commissari, ai presenti , ai  rappresentanti delle categorie interessate e semplici cittadini, ho sottolineato che il porto di Ravenna e' sicuramente una importantissima realta' produttiva ma che certo non deve passare in secondo piano il contesto ambientale in cui il porto é collocato. Sviluppatosi in tutti questi anni, all'interno di una importantissima area  umida SIC  ZPS e protetta a livello europeo  anche dalla Convenzione di Ramsar oltre che essere all'interno del Parco del Delta del Po  é un importante polmone verde per  nostra zona soffocata dallo smog. Dobbiamo partire da questa opera di approfondimento per modificare il modus operandi e per tracciare una nuova linea" ha detto la candidata.

"Fino ad ora si scavava e i fanghi e sedimenti potenzialmente inquinati venivano depositati  poi col tempo si sarebbe provveduto al loro trattamento...forse. Nota la storia recente con sequestri ed interventi della magistratura. Ho chiesto ai rappresentanti del Governo di essere  lungimiranti e di vigilare su gare ed appalti e attivarsi affinche' nei bandi di assegnazione delle gare per gli interventi sia previsto fin da subito la caratterizzazione di tutti i sedimenti prelevati  e   prevedere primariamente la costruzione dell'impianto di  trattamento degli stessi. Importante anche l'elettrificazione delle banchine del porto che una normativa prevede debba avvenire entro il 2025. Ma si sa  per ogni norma vi e' possibiltà di deroga. L'elettrificazione  darebbe  la possibilita' alle navi attraccate di spegnere i motori che oggi al contrario restano accesi  h24  e di fatto peggiorano la qualita' dell'aria della nostra zona gia' assai critica. L' Energia  elettrica non dovrebbe certo mancare in quanto  presenti nei  ben 2 centrali turbogas da oltre 800MW cadauna" ha concluso Pasi.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Arredare

Una casa di tendenza con i colori pantone del 2021

Fitness

Gli esercizi da fare a casa per rassodare il seno

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RavennaToday è in caricamento