rotate-mobile
Politica

Porto, il Pri: "Basta con liti e ripicche. Ci vuole condivisione"

E' quanto affermano il segretario del Pri di Ravenna, Eugenio Fusignani, e il vicesindaco Giannantonio Mingozzi.

"Se si continua a considerare il presente e il futuro del porto come una ragione di scontro continuo dove ogni colpo è permesso, si perde di vista la realtà e le esigenze più impellenti e soprattutto non ci sarebbe più quell'autorevolezza e quella coesione tra pubblico e privato che sono sempre state condizioni fondamentali per sostenere, a Roma come a Bologna, esigenze infrastrutturali e i finanziamenti per i fondali e le banchine". E' quanto affermano il segretario del Pri di Ravenna, Eugenio Fusignani, e il vicesindaco Giannantonio Mingozzi.

"Simili comportamenti, peraltro, finiscono solo col fare l'interesse di chi considera il nostro scalo un concorrente pericoloso, ricavando così tutti i vantaggi da una situazione di lite continua e di indebolimento oggettivo - evidenziano gli esponenti repubblicani -. Il nostro appello è rivolto a tutti i partner più qualificati e impegnati nel sostenere le ragioni di investimento commerciali e occupazionali del porto, affinchè si faccia un passo indietro nelle polemiche, da qualsiasi parte provengano, e uno avanti nelle ragioni più costruttive".

"Il problema del nuovo assetto di vertice dell'Autorità portuale ce lo porremo quando sarà il momento, anche se è sconcertante constatare come il presidente sia divenuto il paladino delle forze di opposizione: quelle stesse che fino a ieri lo hanno coperto di insulti e perfino denunciato in tribunale - aggiungono -. Lasciando ad ognuno le proprie valutazioni, appare ovvio che qualcuno debba aver cambiato idea e comportamenti, perchè la politica, anche la più avventurosa e fantasiosa, non può arrivare a simili spegiudicati contorsionismi".

Concludono Fusignani e Mingozzi: "In ogni caso, i Repubblicani considerano la soluzione delle casse a mare e nel Candiano una proposta irricevibile e da contrastare in ogni sede o di fronte a chiunque la riproponga, mentre riteniamo valido e urgente il lavoro che si sta compiendo in collaborazione con il Ministero competente per individuare subito nuove soluzioni per collocare gli escavi".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Porto, il Pri: "Basta con liti e ripicche. Ci vuole condivisione"

RavennaToday è in caricamento