Progetto Cervia esce dalla maggioranza: "Il sindaco ha perso autonomia"

La lista Progetto Cervia ha deciso di ritirare il proprio appoggio alla maggioranza di Cervia guidata dal sindaco Massimo Medri

La lista Progetto Cervia ha deciso di ritirare il proprio appoggio alla maggioranza di Cervia guidata dal sindaco Massimo Medri. "Dopo gli attacchi pretestuosi e ingiustificati all' assessore Michele Fiumi da parte della Cna, diventata sempre più il braccio armato del Pd (coi suoi numerosi ex assessori trasformati miracolosamente in dirigenti associativi) e la mancata difesa pubblica del sindaco Medri, abbiamo capito che la situazione politica all'interno della maggioranza era arrivata a un punto di non ritorno - spiegano dalla lista - Quando nacque Progetto Cervia fu creato da uomini e donne liberi da vincoli di partito, che sognavano di liberare la città da dinamiche vecchie, clientelari e deleterie, e renderla in grado di affrontare i cambiamenti epocali in corso: ascoltare tutti i cittadini e diventarne portavoci, secondo equità e giustizia, ma anche competenza. Dopo una decisione difficile, alle ultime elezioni comunali, Progetto Cervia era convinto di aver trovato in Massimo Medri l’unico candidato possibile, il quale affermava di approvare moltissimi punti del nostro programma ed era deciso ad affrontare, assieme a noi, quel cambiamento tanto atteso. Sembrava in grado di gestire le violente convulsioni all’interno del Pd, che nulla avevano a che fare con gli interessi collettivi della città. Senza il 4% dei voti di Progetto Cervia, questa amministrazione probabilmente non sarebbe mai nata. Abbiamo partecipato a una maggioranza ampia ed eterogenea in cui il sindaco senza tessera di partito avrebbe dovuto fungere da garante per affrontare e realizzare il cambiamento. Sembrava, sulla carta, un tandem perfetto".

"Abbiamo invece assistito a una progressiva perdita dell' autonomia e della forza del sindaco, schiacciate dall'indebolimento della sua rappresentanza consigliare - insistono dal gruppo consiliare - Il cambio di passo in negativo si è manifestato con il nuovo segretario del Pd, il quale prima ha causato l'uscita dell’ex capogruppo dal partito e poi ha bocciato il nuovo regolamento “Per la convivenza tra le funzioni residenziali e le attività di esercizio pubblico e svago nelle aree private, pubbliche e demaniali" preparato dall’assessore Fiumi e respinto in quanto, a suo dire, troppo restrittivo sul ballo in spiaggia, sulla movida e sul rumore, troppo rigoroso nel pretendere delle regole uguali per tutti. Col passare dei mesi, il sindaco non ha più avuto la situazione sotto controllo, arrivando ad assumere atteggiamenti per noi incomprensibili: la scarsa attenzione al tema della sicurezza, con episodi reiterati di vandalismo a danno di beni pubblici e privati, spesso legati all'abuso di alcool; la decisione di approvare non solo la Settimana rosa, ma anche i fuochi di artificio in spiaggia per San Lorenzo, nonostante le indicazioni prudenziali che Oms e Comitato Tecnico Scientifico continuano a fornire; la bocciatura dell'idea di piano strategico per aiutare il commercio; il mancato coraggio nel perseguire un maggior equilibrio tra spiaggia e centri commerciali naturali, con sacrifici imposti ad alcuni e risparmiati ad altri; infine, proprio sul tema dei mercatini-eventi, la scelta di una posizione ambigua e fumosa, senza schierarsi invece a favore della qualità dell'offerta commerciale, che non è certo quella perseguita dalla Cna".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Oramai lontano dal suo ruolo di garante, il sindaco si è spinto di fatto a commissariarci, come a sua volta egli è stato commissiariato dal Pd - concludono - Per questi motivi, dunque, crediamo non ci siano più le condizioni per continuare ad appoggiare questa maggioranza e a far parte della giunta guidata da Massimo Medri. L'onestà intellettuale e politica di Progetto Cervia aveva affermato di vigilare all'interno affinché il cambiamento avvenisse e oggi è messa alla berlina dagli interessi del vecchio potere. A questo gioco noi non ci prestiamo. Sulla base di questa linea, il direttivo ha quindi accettato le dimissioni di Franco Belletti da presidente di Progetto Cervia e ha affidato la presidenza ad interim ad Alessandro Muccinelli, attuale vicepresidente. Non essendo né legati alle poltrone, né sottomessi alle richieste ingiustificate del Pd, da uomini e donne liberi togliamo il disturbo, ma la battaglia continuerà fuori dal palazzo... e gli argomenti sono tantissimi".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova stretta in vista: a rischio chiusura ristoranti, parrucchieri e palestre

  • Sanità innovativa: in ospedale uno strumento che colpisce le cellule tumorali

  • Il premio 'Cucina dell'anno' a una locanda romagnola: "Siamo orgogliosi"

  • Coronavirus, il nuovo dpcm: piscina e palestre sotto esame. Dalle 21 possibili coprifuoco

  • Si schianta con l'Harley contro il new jersey: motociclista gravissimo

  • Quattro ristoranti ravennati premiati al 'Gran Premio internazionale della ristorazione'

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RavennaToday è in caricamento