Politica

Progetto Cervia: "Al campo di atletica strutture fatiscenti e servizi insufficienti per gli sportivi"

“Abbiamo un impianto ad 8 corsie – spiega Fiumi – che potrebbe essere il fulcro ed il volano di molte più iniziative e non ce ne prendiamo cura

Lista civica Progetto Cervia va in visita al campo di atletica locale che ogni anno ospita tantissimi sportivi non solo italiani, ma anche stranieri. La situazione tuttavia non è delle più rosee: “Il campo – spiega Michele Fiumi – diventa il fulcro di tante attività a partire dalla primavera, con sportivi che affollano la pista per giornate intere ed un bellissimo movimento. Ciò però che dobbiamo riscontrare è che le strutture a servizio degli sportivi sono insufficienti e fatiscenti. Non ci sono spogliatoi per gli atleti, non ci sono le docce, c’è un bagno per gli uomini ed uno per le donne. Anche le recinzioni e le strutture a servizio della pista sono fatiscenti perché in 20 anni non sono state minimamente oggetto di intervento".

“Abbiamo un impianto ad 8 corsie – conclude Fiumi – che potrebbe essere il fulcro ed il volano di molte più iniziative e non ce ne prendiamo cura. Riteniamo che questa sia una grandissima mancanza. Allo stesso modo ci sono altre strutture sportive sul territorio che in questi anni sono state lasciate all’incuria, nonostante Cervia sia una città che parla, per sua stessa connotazione, di sport e di attività fisica. Progetto Cervia vuole rilanciare mediante interventi concreti e mirati il settore sportivo, partendo proprio dai luoghi nei quali questo si esprime, coinvolgendo maggiormente la Consulta, poco interpellata in questi anni dall’Amministrazione, affinché le società possano trovare nella politica locale una vera, concreta e reale collaborazione volta al miglioramento della situazione".

La replica del Comune di Cervia

"Sono state rilasciate dichiarazioni non corrette - replicano dall'amministrazione del Comune di Cervia - Ai sensi del capitolato predisposto dall’amministrazione, il soggetto gestore e cioè l’associazione Ads Atletica leggera che ha sottoscritto la relativa convenzione è tenuto a rispettare un preciso piano di conduzione tecnica, che prevede in particolare azioni di manutenzione ordinaria (riparativa e programmata) su tutte le strutture, i manufatti, gli impianti, alle attrezzature, ai viali, ai percorsi e ogni altra opera o bene che costituisce una pertinenza. Tale convenzione prevede anche uno specifico obbligo, in capo al gestore, di manutenzione del verde, espressamente e analiticamente declinato in azioni quali sfalcio, decespugliamento e raccolta erba, potatura annuale, riparazione dell’impianto di irrigazione, eliminazione di alberi e arbusti pericolanti e lotta attiva alla processionaria. Ai sensi invece del progetto presentato in sede di procedura pubblica per l’affidamento della gestione della pista di atletica, l’associazione è obbligata al rispetto di quanto autonomamente proposto, quale in particolare l’allestimento dell’illuminazione, il montaggio della rete di recinzione, l’impianto delle telecamere di sorveglianza, l’allestimento di bagni e spogliatoi, nonché una ristrutturazione parziale della pista di atletica. Con particolare riferimento a questi ultimi obblighi, l’amministrazione ha ripetutamente convocato l’associazione per sollecitare il rispetto di tali obblighi, nonché ha scritto alcune note formali in tale senso. Più in generale l’impegno dell’amministrazione sull’impiantistica sportiva, anche per il tramite dei diversi soggetti gestori, è stato in questi anni prioritario, riservando all’interno del bilancio comunale somme rilevanti quali in particolare, per lo stadio comunale, la piscina e i diversi impianti polifunzionali del territorio".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Progetto Cervia: "Al campo di atletica strutture fatiscenti e servizi insufficienti per gli sportivi"

RavennaToday è in caricamento