menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Rapporti tra Comune e Kirecò: "Quale sarebbe l'interesse pubblico?"

Il Comune di Ravenna concesse alcuni anni fa alla cooperativa Impronte un’area di proprietà comunale nella quale doveva sorgere il centro Kirecò, con l’obiettivo di consentire la creazione di laboratori

Il Comune di Ravenna concesse alcuni anni fa alla cooperativa Impronte un’area di proprietà comunale nella quale doveva sorgere il centro Kirecò, con l’obiettivo di consentire la creazione di laboratori finalizzati alla formazione e alla sperimentazione su innovazione, in particolare nel settore ambientale. "L'area venne ceduta in diritto di superficie per numerosi anni alla cooperativa a fronte dell’investimento nella creazione del centro, sulla base della dichiarata sussistenza di un interesse pubblico - spiega Alberto Ancarani, capogruppo in consiglio comunale di Forza Italia - Dalla pagina Facebook del centro Kirecò, però, ben pochi risultano essere i laboratori concernenti i fini per i quali il comune cedette l’area, ma numerosi appaiono gli eventi a pagamento, in particolare relativi al settore della ristorazione o altri eventi, a offerta libera".

"Non si comprende ove sussista l’interesse pubblico che aveva determinato la cessione del diritto di superficie a titolo gratuito e, se anche in passato esso possa essere esistito per un breve periodo, di certo oggi non pare sussistere - aggiunge il consigliere d'opposizione presentando un'interrogazione al sindaco - La convenzione con la quale il Comune consegnava l’area prevedeva una rendicontazione annuale degli eventi e delle iniziative svolte all’interno del centro da parte della cooperativa assegnataria, ma non risulta che tale rendicontazione sia mai pervenuta all’amministrazione comunale. Chiediamo quindi al sindaco quali eventi e iniziative di interesse pubblico siano stati svolti presso il centro Kirecò negli anni 2016, 2017 e 2018; se l’amministrazione ritenga, in generale, che all’interno del centro si svolgano iniziative secondo quanto previsto dalla convenzione e se il requisito dell’interesse pubblico appaia pienamente soddisfatto dalla cooperativa che gestisce il centro; se non sia il caso, ai sensi della convenzione, di procedere alla revoca del diritto di superficie concesso alla cooperativa e di riassumere come Comune la gestione del centro, eventualmente aprendo un bando che lo assegni a un nuovo soggetto, non per forza in diritto di superficie".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RavennaToday è in caricamento