menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Ravegnana Bis? Per la Pigna deve partire dall'uscita E45 della Standiana

Un progetto per un possibile tracciato della “via Ravegnana Bis” : a proporlo è il gruppo consigliare di opposizione della “Pigna”

Un progetto per un possibile tracciato della “via Ravegnana Bis” : a proporlo è il gruppo consigliare di opposizione della “Pigna”. Spiega in una nota la formazione politica: “La Pigna intende mettere a disposizione dell'Amministrazione de Pascale questa idea progettuale per il miglioramento della viabilità al fine di risolvere una parte dei problemi che oggi gravano sulla rete viaria del nostro Comune e favorire una maggior sicurezza ed un più forte impulso per lo sviluppo degli interscambi economici tra Ravenna e Forlì. La Ravegnana Bis va in questa direzione e ci aspettiamo che le Associazioni di categoria possano far sentire la propria voce per far cambiare idea al sindaco che ha scelleratamente escluso questo ipotesi”.

Dal punto di vista economico, per la Pigna, “la città di Ravenna ha un porto commerciale con una grande potenzialità ma poi ha un collegamento ferroviario ridicolo e una unica direttrice autostradale verso Bologna mentre la direttrice verso Roma è una strada con gravi problemi di accessibilità ogni anno. Forlì peraltro è nodo ferroviario primario, ha un aeroporto  finora sottoutilizzato ma in fase di rilancio grazie agli investimenti di una cordata di imprenditori ravennati e romagnoli  ed è anche nodo autostradale; quindi tutto ciò premesso è evidente che un collegamento veloce e comodo tra queste due città sarebbe strategico per entrambe ovvero potrebbero “fare sistema” perché l’aeroporto di Forlì potrebbe incrementare il traffico merci grazie al collegamento con l’industria e il porto ravennati e così pure il nodo ferroviario”.

Si ricorda inoltre che tutta l’area del forese delle “Ville Unite” sta lamentando un progressivo abbandono delle loro zone a causa delle sempre crescente difficoltà nei collegamenti sia all’interno della provincia e sia verso i servizi essenziali, con un bacino di circa 20.000 abitanti. “La variante della Ravegnana attraverserebbe questo territorio rappresentando l’unico strumento possibile per rivitalizzarlo perchè in questo modo sarebbe agevole per imprenditori ed operatori economici stabilire delle nuove attività in luoghi dove i collegamenti con i servizi diventano rapidi ed agevoli e quindi economici nonché poter godere delle agevolazioni fiscali proprie di questo tipo di aree”.

Che tracciato dovrebbe avere la nuova Ravegnana? Si tratta di una strada – nell'ipotesi della Pigna – che parte dello svincolo della Standiana dell'E45 per poi dirigersi verso il casello A14 di Forlì, con due corsie per ogni senso di marcia perfettamente idonea a sopportare  anche il traffico pesante, attraversando le campagne di San Pietro in Vincoli. “Il primo tratto di strada (E45) che il secondo tratto ( svincolo E45 –  Casello Autostradale di Forli  può essere percorso ad una velocità di 110 km/h  e quindi per arrivare a Forlì essendo il primo tratto di circa 7 km ed il rimanente di circa 14 km ci si impiegherebbero teoricamente 12-14  minuti contro i 24 minuti attualmente teoricamente necessari  Inoltre il tracciato eminentemente rettilineo consentirebbe facili sorpassi di mezzi lenti”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Dall'Antica Roma al terzo millennio: il mito eterno dei Lom a Merz

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RavennaToday è in caricamento