menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Ravegnana bloccata, "non equi i risarcimenti per la popolazione danneggiata"

A parlare è Alvaro Ancisi, capogruppo di Lista per Ravenna, intervenuto sulla situazione della statale Ravegnana

"In questi giorni la giunta comunale ha messo in scena la sua intenzione di risarcire i danni prodotti dalla chiusura della statale Ravegnana alle attività d’impresa esistenti in zona, indicando segnatamente le frazioni territoriali di Roncalceci. Il risarcimento avverrebbe sotto forma di esenzione dal pagamento della Tari, dell’imposta sulla pubblicità e della tassa per l'occupazione di aree pubbliche. La notizia, se pure apprezzabile, è parsa a Lista per Ravenna parziale e ambigua. Di qui un ordine del giorno presentato il 21 febbraio scorso in consiglio comunale dal proprio capogruppo Ancisi e un altro analogo inoltrato al consiglio territoriale di San Pietro in Vincoli dalla propria consigliera Barbara Sedioli, in vista della seduta di lunedì prossimo nella quale questo argomento figura già in discussione. L’ordine del giorno contiene in sintesi i seguenti richiami, rivolti alla giunta De Pascale".

A parlare è Alvaro Ancisi, capogruppo di Lista per Ravenna, intervenuto sulla situazione della statale Ravegnana

"Le esenzioni fiscali devono essere applicate a tutte le imprese attive nelle aree frazionali di Roncalceci, San Pietro in Vincoli e Ravenna Sud (San Marco e San Bartolo) danneggiate dalla chiusura della statale Ravegnana. Le esenzioni dalla TARI non devono ricadere a carico degli altri cittadini contribuenti. Per legge, i versamenti della TARI devono garantire la copertura integrale dei costi di investimento e di esercizio del servizio rifiuti in capo ad Hera. Sarebbe singolare che la “generosità” dell’amministrazione comunale significasse farne pagare il conto agli altri contribuenti, caricando a se stessa solo le esenzioni dai modestissimi pagamenti per la pubblicità e per l’occupazione di aree pubbliche, servizi che peraltro, in questi territori, non interessano quasi nessuno.  
Qualche beneficio deve essere riconosciuto anche ai cittadini residenti o attivi nelle aree frazionali interessate che abbiano subìto danni a causa di esigenze lavorative o familiari opportunamente attestate. Essendo parimenti incolpevoli delle tragiche condizioni di viabilità e di mobilità a cui devono sottostare, si tratterebbe di un atto doveroso di giustizia sociale. Volendo agire sui carichi fiscali delle famiglie (TARI, TASI e maggiorazione IRPEF), il risarcimento potrebbe essere erogato, sotto forma di contributo, a quanti ne faranno richiesta a seguito di un avviso pubblico" ha detto Ancisi.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Il gioco da tavolo dell'Inferno di Dante approda a Ravenna

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RavennaToday è in caricamento