menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Ravegnana chiusa, Perini: "Preoccupazione per la situazione di via Argine Destro Ronco"

Perini chiede al sindaco e presidente della Provincia di Ravenna, Michele De Pascale, "di attivarsi affinché vengano apposti opportuni cartelli di accesso"

Il capogruppo di AmaRavenna, Daniele Perini, esprime "preoccupazione per la situazione di via Argine Destro Ronco". In un question time, Perini chiede al sindaco e presidente della Provincia di Ravenna, Michele De Pascale, "di attivarsi affinché vengano apposti opportuni cartelli di accesso, e di adottare tutti gli altri opportuni provvedimenti considerando seriamente la delicatezza di uno stato di cose destinato ad aggravarsi nel breve periodo con l'inizio della stagione del mare, al fine di evitare che un numero eccessivo di persone continui a sfrecciare su una strada che, oggettivamente non  appare in grado di sopportare tale traffico".

Perini evidenzia che "la chiusura della Ravegnana a causa dei ben noti e gravi fatti connessi al crollo della diga ha determinato forti criticità per i residenti di varie zone e località limitrofe". E sottolinea la "preoccupante la situazione di via Argine Destro Ronco, con la strada corrispondente in concreto ad un argine, con il limite dei 30 km/h e l'impossibilità materiale del passaggio di due auto affiancate". Per l'esponente di AmaRavenna, "il problema è tanto più consistente poiché, quale conseguenza della chiusura della Ravegnana tutti passano di lì, nonostante l'ordinanza che vieta tale  possibilità ai non residenti; e che si sono verificati già numerosi incidenti, finora fortunatamente non mortali".

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Ravenna usa la nostra Partner App gratuita !

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Occhi al cielo per ammirare la Superluna "rosa" di aprile

Cronaca

A Lido di Dante spuntano i nuovi "murales" dedicati al Sommo Poeta

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RavennaToday è in caricamento