rotate-mobile
Domenica, 16 Giugno 2024
Politica

Ravenna, Fusignani riconfermato alla guida dei Repubblicani

La nuova Direzione Provinciale del PRI di Ravenna, eletta dal 35° Congresso della Federazione Provinciale del PRI di Ravenna, nella prima seduta d’insediamento ha eletto il Segretario Provinciale. Al termine della votazione è risultato confermato all’unanimità il Segretario Provinciale uscente, Eugenio Fusignani.

La nuova Direzione Provinciale del PRI di Ravenna, eletta dal 35° Congresso della Federazione Provinciale del PRI di Ravenna, nella prima seduta d’insediamento ha eletto il Segretario Provinciale. Al termine della votazione è risultato confermato all’unanimità il Segretario Provinciale uscente, Eugenio Fusignani.

“Dunque una continuità d’impegno che dovrà vedere il partito ravennate impegnato su un doppio fronte: uno interno, dove il PRI ravennate mette a disposizione le sue strutture d’esperienza a servizio di un progetto Romagnolo e Nazionale teso a ricostruire il tessuto connettivo del repubblicanesimo - si legge in una nota del PRI - riportando il Partito Repubblicano ad essere protagonista nel panorama politico nazionale; l’altro, esterno, rivolto alla città di Ravenna e a tutto il territorio provinciale in proiezione delle prossime importanti scadenze elettorali. Il rinnovo dell’Amministrazione Comunale che vede il PRI al governo della città, rappresenta una tappa importante di tutto il progetto che con la relazione congressuale e la mozione conclusiva del Congresso, impegna tutto il partito a guardare alle prospettive della città con occhio laico e non condizionato dalla pure importante esperienza di governo ancora in essere. I tanti problemi della città e soprattutto le difficoltà dei cittadini, ancora stretti dalla morsa di una crisi che, troppo timidamente mostra i primi impercettibili segnali di ripresa, saranno la bussola politica che orienterà il mio impegno alla guida del partito verso le nuove elezioni amministrative. Dunque saranno i nostri programmi e la convergenza su di essi insieme alla natura della coalizione  che non può più essere la semplice riproposizione di sigle di partito che determineranno gli scenari della presenza elettorale del PRI. A partire dalle nostre idee sullo sviluppo della città, sul commercio, sulla logistica, sui collegamenti e sul Porto, la cui valenza strategica non può essere svilita né da azioni di governo che ne minano le prospettive né tantomeno da attacchi politici di natura palesemente strumentale. Un PRI che non è mai stato, non è e non sarà mai la stampella di nessuno, ma, al contrario, una forza politica importante per la città e le sue articolazioni economiche, produttive e sociali, prima ancora che dell’amministrazione.”
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ravenna, Fusignani riconfermato alla guida dei Repubblicani

RavennaToday è in caricamento