rotate-mobile
Politica

Ravenna in Comune: "Un Osservatorio non basta, più controlli sugli appalti per evitare infiltrazioni"

Ravenna in Comune: "L’attenzione sui bandi pubblici, su come costruirli e implementarli, diventa prioritaria considerati i quasi quotidiani annunci di sindaco e presidente dell’Adsp di milionate di euro dal Pnrr"

A seguito della relazione della Direzione investigativa antimafia (Dia) riferita alla situazione generale della criminalità organizzata nel corso del primo semestre 2021 il gruppo consiliare Ravenna in Comune assume una posizione. L’Emilia-Romagna è descritta nella relazione da pagina 293: "L’analisi della situazione generale della criminalità organizzata in Emilia Romagna nel corso del primo semestre 2021 conferma il trend già osservato negli scorsi semestri di come l’approccio delle cosche rivolto al controllo del territorio non sia più ancorato prevalentemente al predominio militare ma ad una sempre maggiore infiltrazione silente dell’economia e delle amministrazioni locali attraverso rapporti con professionisti, imprenditori, amministratori pubblici, esponenti della politica e della finanza.

"Come a dire che nonostante il processo Aemilia il viluppo tra cosche, imprenditoria e professionisti come intermediari continua stabilmente ad operare - sono le considerazioni del gruppo consiliare Ravenna in Comune -. Ravenna e la sua provincia sono parte dell’Emilia Romagna anche in questo. Le vicende delle interdittive antimafia che hanno arrestato gli appalti degli uffici comunali e del nuovo palazzetto dovrebbero pur insegnare qualcosa. E ancora i giri di scommesse clandestine, gioco d’azzardo e simili che periodicamente ci fanno tornare sui giornali. Gli assalti agli sportelli bancomat, poi, sono diventati notizia di apertura fin troppo frequente per le mattine dei media online. Quanto al ciclo illegale del cemento, Ravenna si è rivelata una delle capitali regionali. Sono solo alcuni esempi".

A fronte di questi motivi Ravenna in Comune scrive: "È vitale che il Comune tenga bene a mente la dimensione del problema. Non può bastare un osservatorio che il sindaco, come ha scritto nel suo programma elettorale, vorrebbe istituire, se poi venisse depotenziato come ha fatto con il nostro Osservatorio sulla legalità e sicurezza del lavoro. L’attenzione sui bandi pubblici, su come costruirli e implementarli, diventa prioritaria considerati i quasi quotidiani annunci di sindaco e presidente dell’Adsp di milionate di euro che Pnrr e altri finanziamenti dovrebbero riversare sul territorio. L’esposizione dei resti dell’auto di scorta di Falcone in Piazza Garibaldi di suo, temiamo, serve a ben poco se non a testimoniare, se ce ne fosse bisogno, la pericolosità delle mafie. Non per niente, dopo il discorso pronunciato all’inaugurazione dell’anno giudiziario, la dottoressa Musti è stata fatta oggetto di due successivi atti intimidatori. Ravenna in Comune chiede alle Istituzioni di tenere al centro dell’attenzione e delle proprie azioni l’enorme rischio rappresentato da quello che la relazione antimafia definisce un vero e proprio sistema integrato e radicato tra imprese, appalti e affari in cui operano le consorterie e con cui è indispensabile fare i conti".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ravenna in Comune: "Un Osservatorio non basta, più controlli sugli appalti per evitare infiltrazioni"

RavennaToday è in caricamento