rotate-mobile
Venerdì, 20 Maggio 2022
Politica

Referendum costituzionale: "ANCI E-R è estranea alla posizione presa dal presidente Manca"

La presa di posizione di Daniele Manca a favore del “sì” non è piaciuta al Movimento 5 Stelle, che ha voluto sottolineare l’estraneità dell’associazione da questo gesto.

La presa di posizione del presidente di ANCI (Associazione Nazionale Comuni d’Italia) Emilia-Romagna e sindaco di Imola, Daniele Manca, a favore del “sì” al referendum costituzionale non è piaciuta al Movimento 5 Stelle, che ha voluto sottolineare l’estraneità dell’associazione da questo gesto.
“Sul sito del Partito Democratico “Basta un sì”, che descrive l’iniziativa, viene richiamata l’Associazione Nazionale dei Comuni Italiani, facendo erroneamente intendere di un suo probabile coinvolgimento. In realtà non è così. L’associazione è totalmente estranea alla vicenda” spiegano i portavoce pentastellati in ANCI E-R.
“Tra le sue funzioni l’associazione riconosce l’autonomia locale come principio fondante della organizzazione dei pubblici poteri e dell’agire collettivo. Finalità principale dell’ANCI è l’affermazione e la difesa del principio dell’autonomia comunale che rende l’azione della Pubblica Amministrazione più efficace e maggiormente aderente alle esigenze delle collettività locali.
Con la Riforma Costituzionale l’autonomia locale viene di fatto sottomessa a un nuovo centralismo che attribuisce ai sindaci un ruolo precipuo, in quanto eletti nel Senato delle autonomie, ai sensi della nuova formulazione dell’art. 57.
Gli stessi quindi si presume dovranno conciliare l’impegno di Sindaco con quello di Senatore: saranno pertanto obbligati ad abbandonare il Comune che rappresentano per svolgere incarichi istituzionali come Senatori ogni qualvolta ve ne sarà la necessità.

Con questa riforma il principio di sussidiarietà ed il decentramento saranno ulteriormente indeboliti.
Il MoVimento 5 Stelle ritiene che sia dovere del Presidente, in virtù dell’istituzione che rappresenta, essere imparziale e specificare la neutralità di ANCI Emilia-Romagna. A Marzo 2016 su 330 Comuni presenti in Emilia Romagna, sono 315 i Comuni soci di ANCI Emilia-Romagna, mentre sono solo 194 (meno dei 2/3) i sindaci che hanno aderito alla lettera appello, dimenticandosi del loro ruolo istituzionale e di essere super partes”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Referendum costituzionale: "ANCI E-R è estranea alla posizione presa dal presidente Manca"

RavennaToday è in caricamento