Referendum sul taglio dei parlamentari, Costantino Ricci (Cgil) è per il No

"In vista dell’ormai imminente appuntamento con il referendum sul taglio del parlamentari, a titolo personale, rendo noto il mio voto al referendum che sarà No"

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di RavennaToday

In vista dell’ormai imminente appuntamento con il referendum sul taglio del parlamentari, a titolo personale, rendo noto il mio voto al referendum che sarà No e ritengo utile chiarire la mia posizione. Quella che ci viene proposta, votando Sì, non la ritengo una riforma costituzionale, perché non la è. Sono convinto che la rappresentanza parlamentare sia un bene prezioso che non possiamo sacrificare nel nome di un risparmio di costi. Chi è insoddisfatto dell’attuale funzionamento del Parlamento, non troverà certo una soluzione attraverso questo referendum, anzi la vittoria del Sì creerebbe le premesse per una dannosa riduzione della rappresentanza. L’Italia è una Repubblica parlamentare e il Parlamento deve essere salvaguardato. Questo paese ha bisogno di più rappresentanza politica e serve che le istanze dei territori siano affrontate in Parlamento con consapevolezza. Così come è necessario il coinvolgimento di tutte le parti sociali.

Sacrificare la democrazia, come si rischia di fare con il percorso individuato dal Sì, significa ridurre gli spazi per i cittadini nei processi decisionali. Il rischio è di introdurre un meccanismo che porti alla riduzione della capacità di partecipare alla vita democratica delle varie realtà presenti nella nostra società. Queste ultime sono un valore aggiunto di cui l’Italia non può fare a meno. In questo momento particolarmente complesso per il nostro Paese, a causa della crisi economica e di quella pandemica, l’Italia dovrà assumere decisioni fondamentali per l’utilizzo delle risorse a disposizione per riprogettare una nuova politica industriale orientata all’ambiente e alla sostenibilità. In una fase cruciale per l’Italia, c’è bisogno di maggior coinvolgimento e non certo di ridurre la rappresentanza”.

Costantino Ricci, segretario Cgil Ravenna

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RavennaToday è in caricamento