Regolamento di Polizia Urbana, Verlicchi: "Approvare il divieto di indossare il burqa nei luoghi pubblici"

Veronica Verlicchi, capogruppo de "La Pigna", chiede alla maggioranza di approvare l'emendamento presentato dalla lista civica

"Divieto di indossare il burqa nei luoghi pubblici". Veronica Verlicchi, capogruppo de "La Pigna", chiede alla maggioranza di approvare l'emendamento presentato dalla lista civica. Espone la consigliera comunale: "La Corte d’Appello di Milano, nel confermare la sentenza del Tribunale di Milano del 20 aprile 2017, ha legittimato il divieto di ingresso nei luoghi pubblici alle donne che indossano il burqa. Il Tribunale di Milano aveva, appunto, sentenziato come il divieto di ingresso a volto coperto appaia giustificato e ragionevole alla luce dell’esigenza di identificare coloro che accedono alle strutture pubbliche ed ai luoghi pubblici".

Spiega Verlicchi: "Nella nostra proposta di nuovo regolamento di Polizia Urbana - depositato a dicembre 2018 a sostituzione di quello vigente
del tutto superato - é inserito un articolo specifico che prevede il divieto di indossare accessori di abbigliamento o paramenti che celino i tratti del volto o che impediscano il riconoscimento di chi li indossa, in luoghi pubblici o aperti al publico. Già alcuni mesi fa, poi, il Consiglio comunale di Ravenna ha bocciato una nostra mozione che chiedeva di vietare il burqa nei luoghi pubblici ravennati, riferendoci all’articolo 5 della legge numero 152 del 22 maggio 1975. Ora con la sentenza della Corte d’Appello di Milano, anche il Pd Ravennate e la maggioranza che sostiene il sindaco Michele De Pascale, non hanno più alibi per non accogliere la proposta della Lista La Pigna".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Inutile posizione barriere anti sfondamento in giro per la città, spesso esteticamente discutibili, se poi si consente di poter girare a volto coperto, rendendo difficoltoso l’immediato riconoscimento - conclude Verlicchi -. Tutti i cittadini ravennati devono godere degli stessi diritti ed ottemperare agli stessi obblighi. Non possono certo essere fatte distinzioni o eccezioni per qualsivoglia motivo". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si schianta con la moto: il guard rail gli amputa entrambe le gambe

  • Tragico schianto tra tre auto all'incrocio: muore un automobilista

  • I vantaggi del fitwalking, un ottimo modo per dimagrire e rimettersi in forma

  • Investita alla rotonda mentre va in bici: donna in gravi condizioni

  • Aggredite a morsi dal cane nel cortile di casa: bambine in ospedale

  • Coronavirus, un nuovo caso e un decesso: i test sierologici scoprono gli asintomatici

Torna su
RavennaToday è in caricamento