rotate-mobile
Sabato, 3 Dicembre 2022
Politica

Restauro dell'ossario del cimitero, Ancisi (LpRa): "Nessun cantiere, tutto è come 3 anni fa"

Il consigliere di Lista per Ravenna attacca il Comune per i "ritardi, ormai sistematici, con cui le opere pubbliche vengono effettuate rispetto agli impegni contrattuali"

A quale punto sono i lavori di restauro dell'ossario del cimitero di Ravenna, chiuso per problemi di stabilità dal giugno 2019? A chiederselo è il consigliere di Lista per Ravenna, Alvaro Ancisi, che ripercorre l'iter del progetto esecutivo, approvato dalla Giunta comunale il 17 novembre 2020 e inserito nel Piano degli investimenti "per essere realizzato nel primo semestre del 2021 col finanziamento di 300 mila euro. All’ingresso cimiteriale di via Baiona, di fronte all’ossario - precisa Ancisi - resiste beffardamente l’avviso ai visitatori di allora, in cui si legge: 'A breve avranno inizio i lavori di restauro e consolidamento dell’ossario presso il cimitero monumentale di Ravenna. La durata stimata dei lavori è di 240 giorni'". 

Con una sua interrogazione dello scorso settembre, il consigliere d'opposizione ricordò "che la procedura per l’affidamento dei lavori era andata per le lunghe e che solo nel febbraio 2022 era stato possibile aggiudicare l’appalto ad un’impresa. Si confidava che, essendo di otto mesi la durata fissata per i lavori, l’ossario fosse restituito ai suoi molti visitatori con le successive festività dei morti. Giunti però quasi a fine settembre, rilevammo che i lavori non erano ancora iniziati, senza che se ne sapessero le ragioni".

"La risposta, in data 4 ottobre, dell’assessora ai Lavori pubblici Del Conte - riferisce Ancisi - al di là delle due procedure per l’affidamento dell’appalto, tra il 24 maggio e il 21 luglio 2021, che erano state infruttuose, si è dilungata sui noti effetti negativi della pandemia sul mercato dell’edilizia (difficoltà di approvvigionamento delle materie prime e 'vertiginosa impennata dei loro costi'), attribuendo loro un ritardo 'non prevedibile' nell’avvio dei lavori. Nonostante l’impresa appaltatrice avesse accettato le condizioni dell’appalto quando già le difficoltà di mercato erano largamente scontate e molte opere pubbliche e private siano state nel frattempo compiute anche a Ravenna, avevo registrato una prima risposta all’interrogazione, resa dall’assessora il 24 settembre 2022, secondo cui i lavori sarebbero iniziati entro il 10 settembre (“entro un paio di settimane inizieranno i lavori per il recupero dell’ossario”), al punto da rassicurare che 'il cantiere sarà allestito in modo tale da non creare disagi a chi verrà al cimitero per salutare i propri cari, in particolare a novembre, in occasione delle celebrazioni dedicate ai defunti'".

"Il problema non si pone neanche. Del cantiere non s’è visto niente. Tutto è come mostrava la foto del 2019 - conclude Ancisi - Sono testimone della delusione espressa dai visitatori del cimitero, già numerosi in vista dell’1 e del 2 novembre, che speravano di vedere almeno iniziate le attività di restauro volte a ripristinare l’accesso al luogo sacro dove giacciono le ossa dei loro cari. Più grave è la cronica assenza di informazione corretta di cui l’amministrazione comunale gratifica i cittadini circa i ritardi, ormai sistematici, con cui le opere pubbliche vengono effettuate rispetto agli impegni contrattuali sottoscritti dalle imprese esecutrici dei lavori. Non è colpa della pandemia".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Restauro dell'ossario del cimitero, Ancisi (LpRa): "Nessun cantiere, tutto è come 3 anni fa"

RavennaToday è in caricamento