Venerdì, 24 Settembre 2021
Politica

Rimozione Berkan B, la Pigna: "Ecco la nostra proposta, più economica ed efficiente"

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di RavennaToday

Il progetto e la relativa gara d'appalto per la rimozione della Berkan B da parte dell'Autorità di Sistema Portuale del Mare Adriatico Centro Settentrionale si sono arenati come il mercantile che doveva essere rimosso, con notevole dispendio di risorse pagate dai contribuenti italiani e ravennati. Da più parti si erano sollevate critiche e malumori  da parte di tecnici sul progetto approvato e messo a bando dall'Autorità Portuale di Ravenna. E a ben vedere si potrebbe dire. Uno dei punti interrogativi maggiori poi, riguarda il fatto che il progetti di rimozione della Berkan B sia stato commissionato ad uno studio  ravennate. Segno che l'Autorità Portuale probabilmente o non possiede  le risorse interne o non ha voluto  realizzare la progettazione. E' evidente che il progetto approvato e messo a gara con successiva aggiudicazione si configura un’operazione che avrebbe senso se il relitto fosse ubicato  in mare, in un luogo dove non ci sia accesso da terra. Ma la Berkan B  è una nave in ormeggiata in banchina.

Con la collaborazione di altri ingegneri del settore, a fronte dell'impasse creatasi e del contenzioso avviato dall'impresa aggiudicataria, abbiamo elaborato una proposta progettuale che risulta essere più efficiente e decisamente più economica. Innanzitutto va realizzata una palancolata attorno alla nave piantata da terra ed effettuata una  sigillatura laterale tramite cortina in neoprene. Occorre installare una pompa di drenaggio per tutta la durata del cantiere e fissata in banchina una gru da 50-70 tonnellate, alla quale, in caso di necessità, va affiancata una seconda gru. E', poi, indispensabile implementare un impianto per la disoleazione delle acque pompate dalla vasca che si crea attorno al relitto. Per quanto riguarda la forza lavoro operativa, occorre l'utilizzo di 3 squadre di tagliatori  che coprano anche l'intera giornata, dotati di tutta la attrezzatura necesaria torce al plasma e ovviamente fiamma ossidrica. Il trasporto e lo smaltimento del materiale deve essere a carico della ditta che lo recupera e storna i costi dai ricavi  della vendita del ferrovecchio. Si potrebbe in questo modo spendere “solo” fino ad un massimo di 1,3 milioni di euro per la rimozione della Berkan B, anziché i 9 milioni attuali, e altri 5 milioni circa per la rimozione delle altre navi presenti  

Veronica Verlicchi, candidata sindaco alleanza civica La Pigna, e Andrea Barbieri, lista civica La Pigna

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rimozione Berkan B, la Pigna: "Ecco la nostra proposta, più economica ed efficiente"

RavennaToday è in caricamento