Ripulita la Baiona, Ancarani (FI): "Ma l'eternit e l'amianto sono ancora lì"

"La circostanza fa specie perché proprio l’eternit-amianto è uno degli elementi di maggior pericolosità e antiesteticità di quelle aree"

Il gruppo Forza Italia interviene sulla scelta posta in essere dalla giunta di effettuare una corposa pulizia della pialassa Baiona. “Pulizia” che si è concretizzata sia in senso pratico che in senso metaforico, ovvero anche in quello dell’asportazione di elementi che avevano consentito il proliferare di attività illecite.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"A lasciare perplessi sono modalità e scansione temporale - spiega il capogruppo in consiglio Alberto Ancarani - Estremamente deludente, ora che i lavori sono stati dichiarati ufficialmente conclusi dall’amministrazione comunale, è la notizia peraltro riscontrabile a occhio nudo a chiunque frequenti la pialassa della non demolizione e conseguente non eliminazione delle cavane ricoperte o addirittura interamente costruite con eternit-amianto che, a dispetto degli annunci sulla bonifica e pulizia, sono tuttora al loro posto con buona pace della pomposa proclamazione della fine dei lavori. La circostanza fa specie perché proprio l’eternit-amianto è uno degli elementi di maggior pericolosità e antiesteticità di quelle aree che, con costi tutto sommato alla portata di un’amministrazione comunale come la nostra, avrebbero ben potuto avere realmente quel nuovo volto che tutti noi gradiremmo per una zona così importante non solo in ottica naturalistica, ma soprattutto turistica. Da ultimo non si può non rilevare come l’intervento in generale, negli intenti a nostro avviso apprezzabile, sia stato gravemente tardivo rispetto alle esigenze di fruitori e cittadini a maggior ragione, tenendo conto del paragone con le rigidità che la stessa amministrazione ha imposto ai nuovi regolamenti per i capanni da pesca e per le concessioni. Il Comune, anche in un’attività nella quale poteva essere facile fare bella figura, è apparso ancora una volta incoerente lanciando il sasso della bonifica e nascondendo la mano dell’amianto e delle tempistiche dilatate per soluzioni di facilissima realizzazione".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ritrovato nei boschi dopo tre giorni insieme al suo fedele cane: "Nelle ore più fredde ci scaldavamo vicini"

  • Troppi casi di Coronavirus nelle classi: chiude un'altra scuola

  • 10 alunni e 2 insegnanti positivi al Covid: la scuola chiude e fa il tampone a tutti

  • Violento tamponamento tra due camion in autostrada: traffico in tilt

  • La giovane che sfida la crisi per realizzare il suo sogno: aprire un forno-cioccolateria

  • Nuovo dpcm, è un mini lockdown: ristoranti chiusi alle 18. Stop per cinema, palestre e teatri

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RavennaToday è in caricamento