menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Elezioni, De Pascale: "Avremmo dovuto essere più forti: ora dovremo ricostruire dall'opposizione"

E' un risultato molto duro per il centrosinistra quello che emerge il giorno dopo le elezioni politiche del 4 marzo: ad ammetterlo è il sindaco Michele De Pascale, che commenta i risultati a livello locale e nazionale

E' un risultato molto duro per il centrosinistra quello che emerge il giorno dopo le elezioni politiche del 4 marzo: ad ammetterlo è il sindaco Michele De Pascale, che commenta i risultati a livello locale e nazionale. "C'è stata un'affluenza alle urne alta sia a livello regionale che nazionale, che ha segnato un successo principalmente di Lega e Movimento 5 stelle - spiega il primo cittadino - E' il risultato della fine di un'esperienza di governo nella quale gli italiani hanno ravvisato molti limiti, e il giudizio degli elettori va sempre accettato: ora per noi si aprirà una fase di opposizione e dovremo ricostruire".

Se a livello nazionale De Pascale parla della fine di un'esperienza, a livello locale è più positivo: "Il nostro territorio, rispetto all'esito degli altri collegi uninominali, rappresenta un po' un'eccezione: siamo gli unici in cui il candidato del Pd Stefano Collina ha ottenuto la percentuale più alta, e anche la Camera sembra confermare Alberto Pagani. Per quanto riguarda il nostro territorio, dunque, c'è soddisfazione personale per il risultato di due persone che hanno lavorato bene nella provincia di Ravenna e che continueranno a farlo".

Elezioni politiche 2018, testa a testa Pagani-Gardin, M5S primo partito: LA DIRETTA

Il crollo del centrosinistra, per il sindaco della città dei mosaici, era prevedibile: "Le sensazioni c'erano tutte, anche in questi mesi di campagna elettorale: il giudizio degli italiani sull'inseme dell'operato dei tre governi di sinistra che si sono succeduti è stato negativo. Molti italiani, anche davanti a un racconto di dati Istat che miglioravano, non hanno riscontrato questo miglioramento nelle loro vite quotidiane, e credo che questo sia stato uno dei motivi più forti che ha spinto gli elettori a optare per un cambiamento. Poi c'è la rabbia nei confronti della politica, che oggi è al 30% ma che già cinque anni fa era al 25. La destra ha portato avanti il proprio messaggio con forza: noi avremmo dovuto essere più forti nel portare avanti la nostra visione alternativa. Dobbiamo prendere atto che i cittadini hanno dato un giudizio negativo e ora il centrosinistra avrà il tempo per riflettere e costruire una proposta nuova".

Cosa succederà ora? "Non so che governo ci sarà, se di destra, a 5 stelle o entrambi - conclude De Pascale - I numeri propendono per un governo di centrodestra, ma il Movimento 5 stelle ha tanti voti. Credo che entrambi abbiano presentato delle proposte irrealizzabili, ora vedremo cosa faranno. Noi dobbiamo ricostruire facendo un'opposizione seria e costruttiva come abbiamo già fatto in passato. La palla è in mano a Salvini e a Di Maio, sono loro i veri vincitori di queste elezioni".

Elezioni, crolla la roccaforte rossa della Romagna: M5S primo partito, 3 collegi a sinistra, 3 a destra

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Dall'Antica Roma al terzo millennio: il mito eterno dei Lom a Merz

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RavennaToday è in caricamento