rotate-mobile
Venerdì, 14 Giugno 2024
Politica

"Risultato straordinario": dopo le elezioni il Pd pensa alle regionali. De Pascale successore di Bonaccini?

Con la "dipartita" di Bonaccini verso l'Europa, la Regione si avvia verso nuove elezioni in autunno. Ora il Pd dovrà individuare un candidato che metta d'accordo tutti

Le elezioni comunali nel territorio della provincia di Ravenna hanno portato un "risultato straordinario, sono stati riconfermati colleghi e colleghe, con percentuali da capogiro, ed entrano nei comuni nuovi sindaci e sindache sostenuti dal centrosinistra con energia e passione". È decisamente soddisfatto il sindaco di Ravenna e presidente della Provincia, Michele De Pascale, nel commentare la vittoria del centrosinistra in 13 dei 14 Comuni al voto. "Molti - ricorda - gravemente colpiti dall'alluvione di maggio, altri dal tornado di luglio".

Tra le grandi soddisfazioni De Pascale cita la vittoria del "giovanissimo candidato a Conselice, uno dei comuni simbolo dell'alluvione, Andrea Sangiorgi che ha vinto le elezioni con assemblee di caseggiato". Come pure Luca Della Godenza "che vince con oltre il 70%" a Castel Bolognese, "esattamente nel comune delle famose minacce agli alluvionati della settimana scorsa". E ancora Valentina Palli che a Russi "supera il 75% e, ultimo ma non ultimo Mattia Missiroli che ottiene un risultato strepitoso a Cervia".

Sul fronte delle europee "la soddisfazione più grande è il risultato incredibile di Stefano Bonaccini che con 390.000 preferenze porta l'Emilia-Romagna in Europa, insieme all'ottima riconferma di Elisabetta Gualmini", aggiunge De Pascale, che parla insomma di "un fine settimana ricco di emozioni che regala alle nostre comunità nuova energia per affrontare le sfide complesse che abbiamo davanti".

De Pascale con il nuovo sindaco di Cervia Mattia Missiroli
missiroli-de-pascale

De Pascale successore di Bonaccini?

Con la "dipartita" di Bonaccini verso l'Europa, la Regione si avvia verso nuove elezioni in autunno. Ora il Pd dovrà individuare un candidato che metta d'accordo tutti. La scelta del nome non sarà facile: lo stesso Bonaccini, appena eletto all'europarlamento, ha invitato a fare presto: "Quello che ha pagato di questi 9 anni e mezzo è stato non dividersi mai, anche con coalizioni molto larghe. Chi ci vota si aspetta una scelta che sia la più rapida possibile".

Le prossime settimane potrebbero già essere decisive: in pole position, con la benedizione dello stesso Bonaccini, c'è proprio de Pascale, che dovrebbe però interrompere anticipatamente il proprio mandato da primo cittadino - e quindi Ravenna tornerebbe alle urne in anticipo. Della partita ci sono però anche esponenti della giunta Bonaccini: la vicepresidente Irene Priolo e l'assessore al lavoro Vincenzo Colla, ma anche l'assessore al turismo Andrea Corsini potrebbe succedere al presidente. I prossimi giorni saranno abbastanza decisivi e verranno allo scoperto posizionamenti ed endorsement finora rimasti coperti causa campagna elettorale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Risultato straordinario": dopo le elezioni il Pd pensa alle regionali. De Pascale successore di Bonaccini?

RavennaToday è in caricamento